Categorie: News

Spagna, congedi parentali uguali e obbligatori per mamme e papà

Non solo le mamme. Anche i papà, in Spagna, potranno accudire i loro figli senza dover rinunciare a giorni di ferie o a giornate di lavoro.
Secondo il decreto varato dal governo presieduto dal socialista Pedro Sanchez, infatti, i papà avranno congedi di paternità uguali a quelli di maternità: 16 settimane ciascuno, di cui 6 da prendere obbligatoriamente insieme subito dopo la nascita. Le altre 10, invece, dovranno essere spalmate durante il primo anno di vita del bambino o della bambina. Nessuna decurtazione dello stipendio è prevista.
I tecnici del governo hanno stimato che la nuova misura costerà alle casse dello Stato dai 250 ai 350 milioni di euro. Nel 2021, ovvero quando la misura entrerà a pieno regime, arriverà a 1,2 miliardi.

La situazione ad oggi

Fino a prima di questo decreto, il congedo di paternità corrispondeva a sole 5 settimane e solo il 2% dei papà spagnoli ne usufruiva. L’intenzione, dunque, è di invertire la tendenza e di fare in modo che entrambi i genitori si assumano le stesse responsabilità di cura nei confronti dei figli.
Ma è soprattutto un modo per ridurre il divario che impedisce alle donne di dedicarsi al proprio lavoro e di aspirare al proprio sviluppo personale. La maternità è spesso un’arma di ricatto, sul posto di lavoro anche perché le leggi permettono alle donne di assentarsi dal lavoro per prendersi cura dei figli più di quanto consentano ai padri.
Questa legge punta a intervenire proprio su questo aspetto mettendo sullo stesso piano, a casa e sul lavoro, tutti e due i genitori.

Il gap salariale

Non è un caso, infatti, che lo stesso decreto intervenga sulla questione del gap salariale tra uomini e donne. Sono previsti, per le aziende con più di 50 dipendente, registri salariali divisi per genere e per categorie professionali. Questi registri dovranno essere trasmessi ai sindacati e ai comitati di fabbrica che valuteranno se lavoratori e lavoratrici sono pagati allo stesso modo. Non sarà più possibile, inoltre licenziare una donna in gravidanza né un lavoratore o una lavoratrice che ha usufruito del congedo parentale per almeno un anno dopo il congedo stesso.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020