Categorie: News

Merola firma l’atto di nascita del bimbo con due mamme: “Allargare i diritti serve a tutti”

Come annunciato questa mattina, il sindaco di Bologna Virginio Merola ha firmato l’atto di nascita di un bimbo (non una bimba come erroneamente riportato inizialmente) nato a Bologna e figlio di due mamme. All’anagrafe cittadina, il piccolo risulta regolarmente figlio sia della sua mamma biologica che della madre sociale.

“Ci occupiamo delle vite delle persone”

“Sono sempre stato convinto che allargare i diritti serva per tutti – ha detto il Sindaco –. Per questo ho firmato questo atto di nascita come stanno facendo altri sindaci in Italia. Proprio perché, come sindaci, ci occupiamo della vita delle persone, ci è più chiara l’urgenza di aumentare i diritti in presenza di un vuoto normativo”.

Così si tutelano i diritti delle persone”

“Sono molto orgogliosa di essere assessora per i diritti LGBTQI nella giunta di un Sindaco che non si tira mai indietro di fronte alle scelte di civiltà – ha aggiunto l’assessora Susanna Zaccaria -. Così si tutelano davvero i diritti delle persone”.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020