Categorie: News

Meloni a Salvini e Di Maio: sì al governo se vieta le adozioni ai gay

Non è ancora pronto il “contratto” di governo tra Lega e MoVimento 5 Stelle, ma pare che dai settori dell’estrema destra si abbiano le idee ben chiare su quali azioni dovrà intraprendere il nuovo esecutivo, se vuole anche i voti di chi si riconosce nei valori della “famiglia tradizionale” e nella discriminazione delle persone Lgbt. Prospettive poco rassicuranti, che danno da pensare.

Garanzie contro le adozioni

Luigi Di Maio

È quanto emerge, infatti, da un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera da Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, partito che si è distinto per le passate posizioni omofobe. Le famiglie arcobaleno, infatti, sembrano essere nel mirino dell’ex ministra della Gioventù. Meloni, infatti, per dare il suo appoggio chiede «un impegno chiaro sul divieto di adozione per le coppie omosessuali», anche se non si limita solo ad esse.

L’ossessione per le famiglie arcobaleno

Una vera e propria ossessione quella dell’ex esponente di Alleanza Nazionale, che poco fa è pure intervenuta in televisione, nel programma di Lucia Annunziata, ad attaccare Chiara Appendino sulla sua scelta di trascrivere i bimbi arcobaleno, spacciandola per “utero in affitto”. Ed è subito scattata l’ironia delle esponenti del Pd, a cominciare da Monica Cirinnà, che twitta: «Te lo dico da romana “prima de parlà informate, invece de dí cazzate” Niccolò Pietro è nato in Italia da @fogliettachiara». Le fa eco Chiara Foglietta: «Nato in Italia, dal mio utero italiano. Contenta?»

Un’idea di Italia basata sulle discriminazioni

Tra i vari no dell’esponente cresciuta tra le file del Fronte della gioventù, emerge un vario campionato di vittime privilegiate: «Ho chiesto garanzie su alcuni temi, dallo ius soli alla difesa dell’identità italiana». E non solo: «no alla patrimoniale» e ancora garanzie «sulla flax tax e sul blocco delle frontiere». Insomma, un’azione politica che mentre toglie ai poveri per dare ai ricchi, faccia quanto serva per discriminare i padri gay e le mamme lesbiche. Si spera, a questo punto e viste le posizioni di Salvini, che non sia questa l’idea di “nuova Italia” che ha in mente Di Maio.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020