Categorie: News

Meloni a Salvini e Di Maio: sì al governo se vieta le adozioni ai gay

Non è ancora pronto il “contratto” di governo tra Lega e MoVimento 5 Stelle, ma pare che dai settori dell’estrema destra si abbiano le idee ben chiare su quali azioni dovrà intraprendere il nuovo esecutivo, se vuole anche i voti di chi si riconosce nei valori della “famiglia tradizionale” e nella discriminazione delle persone Lgbt. Prospettive poco rassicuranti, che danno da pensare.

Garanzie contro le adozioni

Luigi Di Maio

È quanto emerge, infatti, da un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera da Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, partito che si è distinto per le passate posizioni omofobe. Le famiglie arcobaleno, infatti, sembrano essere nel mirino dell’ex ministra della Gioventù. Meloni, infatti, per dare il suo appoggio chiede «un impegno chiaro sul divieto di adozione per le coppie omosessuali», anche se non si limita solo ad esse.

L’ossessione per le famiglie arcobaleno

Una vera e propria ossessione quella dell’ex esponente di Alleanza Nazionale, che poco fa è pure intervenuta in televisione, nel programma di Lucia Annunziata, ad attaccare Chiara Appendino sulla sua scelta di trascrivere i bimbi arcobaleno, spacciandola per “utero in affitto”. Ed è subito scattata l’ironia delle esponenti del Pd, a cominciare da Monica Cirinnà, che twitta: «Te lo dico da romana “prima de parlà informate, invece de dí cazzate” Niccolò Pietro è nato in Italia da @fogliettachiara». Le fa eco Chiara Foglietta: «Nato in Italia, dal mio utero italiano. Contenta?»

Un’idea di Italia basata sulle discriminazioni

Tra i vari no dell’esponente cresciuta tra le file del Fronte della gioventù, emerge un vario campionato di vittime privilegiate: «Ho chiesto garanzie su alcuni temi, dallo ius soli alla difesa dell’identità italiana». E non solo: «no alla patrimoniale» e ancora garanzie «sulla flax tax e sul blocco delle frontiere». Insomma, un’azione politica che mentre toglie ai poveri per dare ai ricchi, faccia quanto serva per discriminare i padri gay e le mamme lesbiche. Si spera, a questo punto e viste le posizioni di Salvini, che non sia questa l’idea di “nuova Italia” che ha in mente Di Maio.

Condividi

Articoli recenti

Anche Roma molla ArciLesbica: nasce Differenza Lesbica Roma

A quasi due anni dal congresso che ha visto vincente la mozione "A mozioni estreme, lesbiche estreme" un altro circolo…

17 settembre 2019 11:55 AM

Mike Pence sarà relatore a un evento omofobo: è polemica

Dopo essere stato accolto praticamente da nessuno in Irlanda e da centinaia di arcobaleni - tra cui quello del primo…

16 settembre 2019 9:05 PM

Gareth Thomas costretto a un secondo coming out: è sieropositivo

Gareth Thomas, ex giocatore gallese di rugby, è stato costretto a uscire allo scoperto come siero positivo. In un documentario…

16 settembre 2019 5:02 PM

Congresso Omphalos: Arcigay perde il suo secondo circolo più importante

Quasi i due terzi dei votanti ha deciso di interrompere l'affiliazione alla più grande associazione Lgbt+ italiana.

16 settembre 2019 4:25 PM

Bonetti: «Il ddl Pillon resterà chiuso nel cassetto»

La neo ministra alla Famiglia e alle Pari Opportunità twitta: «Il ddl Pillon resterà chiuso nel cassetto».

16 settembre 2019 3:42 PM

New York potrebbe avere una consigliera drag: Marti Gould Cummings

New York potrebbe avere una drag Queen come consigliera. Marti Gould Cummings, noto performer della Grande Mela, ha annunciato la…

16 settembre 2019 3:21 PM