Categorie: News

L’Irlanda vieta l’ingresso al pastore che inneggiò alla strage del Pulse

L’Irlanda ha deciso di negare l’ingresso ad un controverso pastore americano, diventato famoso per aver pregato nel 2009 per la morte di Barack Obama e per aver inneggiato all’autore della strage del Pulse, la discoteca lgbt di Orlando dove nel 2016 furono uccise 49 persone.

La petizione

Secondo quanto riporta l’Irish Times, Steven Anderson aveva in programma di andare a Dublino il 26 maggio prossimo, invitato da un pastore battista nordirlandese. Una petizione per chiedere al governo di impedire l’ingresso nel Paese del pastore anti-gay, che ha anche posizioni antisemite e negazioniste dell’Olocausto, era stata firmata da 14mila persone. Anderson sostiene che l’omosessualità sia “un abominio che Dio punisce con la pena di morte”.

La prima persona a essere bandita in Irlanda

Il ministro della Giustizia, Charlie Flanagan, ha così firmato l’ordine di divieto d’ingresso ad Anderson, con effetto immediato: si tratta della prima iniziativa del genere mai intrapresa da Dublino, da quando è in vigore l’Immigration Act del 1999. L’Irlanda non è la sola ad aver bandito dal proprio territorio il famigerato predicatore americano. Diversi Paesi, tra cui la Gran Bretagna, hanno giù adottato misure simili. Andreson è già stato sottoposto a misure analoghe da altri Paesi: la Gran Bretagna, l’Olanda ed il Sudafrica.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020