News

Ddl Zan, a che punto siamo: le ultime manovre di Ostellari e Italia Viva

Sono ore cruciali per il destino del ddl Zan in Senato. Ieri i gruppi di Pd, Leu, M5S e Autonomie in commissione giustizia hanno scritto alla presidente Casellati per chiedere che la legge venga mandata direttamente in aula, senza sottostare all’ostruzionismo di 170 audizioni e di tutti i trucchetti del presidente Ostellari per allungare i tempi oltre l’estate e, quindi, fare coincidere la discussione con la sessione di bilancio di fatto bloccandola. Pur avendo votato la legge alla Camera, non ha firmato la lettera Italia Viva che, invece, punta a modificare il testo mediando con quello a firma Ronzulli (Forza Italia, appoggiato dalla Lega).

Ostellari convoca l’ufficio di presidenza

Dopo l’invio della lettera, Ostellari ha convocato in fretta e furia un ufficio di presidenza della commissione, previsto per oggi alle 14.15. Subito dopo l’ufficio di presidenza, alle 15.45, è prevista una seduta della Commissione con l’inizio delle audizioni.

“Un testo condiviso”

In un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera, Ostellari si dice pronto a tagliare sul numero di audizioni purché si arrivi ad un testo condiviso. Di cosa parla? Del testo presentato dalla cosiddetta destra di governo, ovvero Forza Italia e Lega. La proposta di legge, di cui è prima firmataria la senatrice Licia Ronzulli, è del tutto diversa dal ddl Zan. Il ddl esclude l’identità di genere (e quindi, di fatto, le persone trans), prevede aggravanti minori rispetto a quelle del testo approvato alla Camera ed esclude del tutto le azioni di prevenzione. Quindi niente Giornata contro l’omolesbobitransfobia e niente sostegno a centri antiviolenza e case rifugio. Creerebbe, inoltre, diversi problemi di compatibilità con la legge Mancino perché Ronzulli ha inserito nel suo testo le discriminazioni razziali, già previste nella norma del 1993.

Non solo la Lega contro il ddl Zan

“Ho sentito aperture anche nel Pd” dice Ostellari. Si riferisce a quella frangia di ex renziani, capitanata da Andrea Marcucci, che nonostante l’indicazione di Letta di votare il ddl Zan compatti, chiede una mediazione e un compromesso.
Senza i voti di Italia Viva (la mancata firma è emblematica, in questo senso) e con i voti di alcuni senatori del Pd in bilico, il percorso del ddl Zan si fa molto, molto difficile.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023