Categorie: News

Le musiciste sono lesbiche: salta il concerto delle Rivoltelle a Rossano

Avrebbero dovuto esibirsi durante una festa a Rossano Calabro (Cosenza), le Rivoltelle, gruppo calabrese composto, a quanto pare, da sole donne lesbiche. Ma il concerto è saltato e la ragione è proprio nel fatto che le ragazze sono lesbiche. A denunciare l’accaduto è Elena Palermo, una delle componenti della band, che ha scritto un lugo post sulla pagina Facebook del gruppo per raccontare la vicenda.

Le Rivoltelle

Secondo quanto riporta l’artista, la motivazione avanzata per far cancellare la performance è che “le Rivoltelle sono lesbiche e questa è una festa religiosa e quindi potrebbero offendere la morale cattolica di ogni singolo cristiano facente parte di questa comunità”.

Non quello che avrebbero potuto dire sul palco, o i testi delle loro canzoni, ma il fatto che siano lesbiche offenderebbe la comunità.
“E quando tutto sembrava superato ed il pensiero moderno sembrava essersi emancipato da arcaici pregiudizi di genere… quando le coscienze sembrava si fossero aperte ad accogliere l’altro da sé e ad accettare anche se timidamente il diverso… quando l’interesse verso i gusti e i desideri sessuali del singolo sembravano non essere più motivo di discriminazione.. arriva lei – scrive Elena Palermo riferendosi alla motivazione che pare essere stata avanzata da una rappresentante del comitato organizzatore della festa -. (…) mi chiedo come sia possibile che ancora girino a piede libero e soprattutto esprimano liberamente ed impunite il loro pensiero persone di tanta ignoranza”.

Un’immagine scattata ieri durante il Calabria Pride

“Mi chiedo come sia possibile ancora giudicare un uomo o una donna in base ad una preferenza sessuale – continua la musicista calabrese -. Mi chiedo come sia possibile offendere e denigrare e soprattutto impedire ad una band di donne di esibirsi solo perché non si presentano come quattro sgallettate e prive di pensiero autonomo.
Cara Signora, e mi rivolgo a Maria Antonietta di Rossano Calabro sperando che queste parole arrivino anche a chi ha lo stesso pensiero della gentile signora in questione: fino a quando la Calabria sarà abitata da persone come lei sarà ancora più forte e feroce e stimolante la nostra rivoluzione. Quindi grazie! E concludo pensando a lei che tenta di impedire ad Elton John di suonare davanti alla regina perché è ricchione…!!”.

Proprio ieri, a Tropea, si è svolto il secondo Calabria Pride in cui migliaia di persone hanno sfilato per l’uguaglianza, contro le discriminazioni e l’omofobia. Una manifestazione e un impegno di cui evidentemente c’è ancora molto bisogno.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020