Categorie: News

La Polonia vuole impedire per legge l’adozione alle coppie gay

Il ministero della Giustizia della Polonia sta valutando l’introduzione di norme che impediscano l’adozione di bambini da parte di coppie gay.

“Vietate le trascrizioni”

Come ha spiegato il viceministro della Giustizia Marcin Romanwski in un’intervista a “Nasz Dziennik“, “la legge sui documenti relativi allo stato civile dovrebbe essere modificata in modo da escludere esplicitamente la possibilità di iscrizione di adozioni da parte di coppie omosessuali, vale a dire la trascrizione di atti di status civile stranieri contrari ai principi fondamentali dell’ordinamento giuridico polacco”.

L’attacco ai giudici

Romanowski ha poi aggiunto che, “sebbene sia manifestamente contrario ai principi del nostro ordinamento, i tribunali amministrativi hanno recentemente autorizzato queste trascrizioni di atti stranieri. Quindi se i tribunali non comprendono che questo atto è contrario alle leggi polacche allora è necessario scrivere esplicitamente nella legislazione che la trascrizione in questo tipo di situazioni e’ inaccettabile”.

Polonia anti-Lgbt

Attualmente non esiste un qualsiasi riconoscimento giuridico delle coppie Lgbt in Polonia. Il matrimonio tra persone dello stesso sesso è costituzionalmente vietato dal 1997, dato che, l’articolo 18 della Costituzione della Repubblica di Polonia definisce il matrimonio come “l’unione di un uomo e di una donna”. Questa sarebbe una legge che chiuderebbe totalmente qualsiasi possibilità alle coppie lgbt. Nel mese di maggio partito di maggioranza Diritto e Giustizia (PiS) ha chiesto all’elettorato di votare alle elezioni europeo per scongiurare il rischio di una perdita dei valori del paese a scapito di quelli occidentali.

L’attacco del Presidente

Mentre il presidente Kaczynski ha attaccato direttamente la comunità LGBT polacca: “Abbiamo a che fare con un attacco diretto alla famiglia e ai bambini, alla la sessualità dei bambini, da parte dell’intero movimento LGBT, del gender. Tutto questo l’abbiamo importato, ma oggi minacciano la nostra identità, la nostra nazione, la sua stessa esistenza e quindi lo Stato polacco”. ”

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020