Categorie: NewsVideo

Hallmark, lo spot di wedding planning non è piaciuto alle mamme cristiane

Questo Natale è crollato uno dei più grandi bastioni dell’eteronormatività: il canale televisivo statunitense Hallmark. A scatenare le ire degli estremisti cattolici – soprattutto dell’associazione One Million Moms – è stato uno spot pubblicitario. Pietra dello scandalo? Un bacio lesbico.

LO SPOT DI HALLMARK

Lo spot è stato girato su commissione del sito di wedding planning Zola e mostra scene di un matrimonio tra lesbiche. Nello spot le due donne si stanno sposando e mentre sono all’altare discutono dei vantaggi che il sito può portare alle promesse spose. Lo spot, che dura appena trenta secondi, finisce con un bacio e con la coppia, ora moglie e moglie, che percorre la navata centrale.

ONE MILLION MOMS

Il bacio rappresentato nello spot è quanto di più semplice e naturale possa essere rappresentato: il bacio di due persone che hanno appena promesso di amarsi per tutta la vita. Tanto. È bastato, però, per far andare il gruppo estremista cristiano One Million MomS sul piede di guerra.
One Million Moms non è nuova ad azioni di questo tipo contro i programmi televisivi. Sotto l’egida della American Family Association e insieme ai One Million Dads, le One Million Moms avevano già reso di mira diversi progetti di intrattenimento per aver promosso temi Lgbt+. Tra questi i programmi di Ellen DeGeneres e la serie tv della Fox (poi salvata da Netflix) Lucifer.

LA PETIZIONE

Il gruppo ha infatti lanciato una petizione per chiedere ad Hallmark Channel di non trasmettere pubblicità o altri contenuti che abbiano al loro interno personaggi o storie legate alle comunità Lgbt+.
Nella petizione si legge: «Hallmark deve vergognarsi per aver trasmesso una pubblicità con una coppia dello stesso sesso. E deve vergognarsi anche solo per aver pensato di includere contenuti Lgbt+ alla sua programmazione. Fino a poco tempo fa Hallmark era famoso per i suoi contenuti family-friendly. Adesso i genitori non possono più fidarsi di Hallmark, perché questo non permette più ai genitori di essere i primi educatori dei bambini per quanto riguarda il sesso e la moralità sessuale».

VITTORIA DEGLI ESTREMISTI: ZOLA RITIRA GLI SPOT DA HALLMARK

Tanto tuonò che ad Hallmark piovve. È notizia del 14 dicembre, infatti, che la rete televisiva ha deciso di sospendere la programmazione degli spot di Zola con le due donne lesbiche.
Lo spot è parte di un pacchetto di sei spot nei quali la coppia lesbica compare quattro volte. Così Hallmark ha deciso di mandare in onda solo i due mini spot con protagoniste coppie etero.
Questa decisione, però, non è piaciuta a Zola che ha deciso di ritirare l’intera campagna pubblicitaria dall’emittente statunitense annunciando l’interruzione di ogni rapporto commerciale.

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020