Categorie: News

Milano: Francesca e Alessandra mamme anche per lo Stato

Una giornata di felicità per Francesca Vecchioni, presidente di Diversity, e per la ex compagna Alessandra Brogno. Questa mattina, l’Ufficiale di Stato ha annotato sull’atto di nascita di Cloe e Nina anche il nome della madre non biologica.
Non un semplice atto simbolico ma una tutela in più per le piccole che, fino a ieri avevano un solo genitore riconosciuto dallo Stato. Prosegue, quindi, l’impegno di Palazzo Marino per tutelare i figli delle coppie omogenitoriali, in particolare delle coppie lesbiche affidatesi alla procreazione medicalmente assistita all’estero. Un mese fa, fra le prime a vedersi riconoscere il proprio ruolo di genitore, c’erano le co-fondatrici di Famiglie Arcobaleno Francesca e Maria.

“Il giorno speciale”

Un giorno speciale, lo definisce Francesca Vecchioni su Facebook. Anzi “Il giorno speciale”.

“Quando abbiamo iniziato a spiegare a Nina e Cloe come mai lo fosse, come mai servisse quella firma di Ale per non dover più giustificare a nessuno che fosse la loro mamma, ci hanno guardate come se stessimo trattando un problema di fisica quantistica.
“Avete capito perché oggi è un giorno speciale?” chiedo io.
Sì con la testa, fanno loro.
“Mamma, ma possiamo far firmare anche le nonne e i nonni?” preoccupate a quel punto che proprio nessuno rimanesse escluso!

Parenti di serie B? Solo per lo stato italiano

Io ed Alessandra siamo separate da anni a nessuno ha mai, per un solo momento, dubitato del fatto che fossimo entrambe genitori. La nostra è una grande famiglia allargata, con tutte le gioie e i dolori di ogni altra famiglia, e l’unica differenza finora la faceva solo la legge.
Il suo riconoscimento legale nei confronti di Nina e Cloe non solo tutela le bambine legalmente ma anche socialmente, permettendo a tutta una parte della loro famiglia, di non essere più invisibile. Nonna Franca, nonno Armando, zia Rita, zio Luca, zia Hélèn e i cuginetti, non dovranno più sentirsi parenti di serie B, perché nella realtà non lo sono mai stati!

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020