Categorie: Aiuto il gender!

Il “telefono anti-gender” della Regione Lombardia è un flop: lo dicono i numeri

Un clamoroso flop. Non si può definire altrimenti lo “Sportello famiglia” voluto dalla Regione Lombardia, famoso con il nome di “Telefono anti-gender”.
Nei primi tre mesi di operatività, infatti, secondo i numeri raccolti dal Pd lombardo e diffusi da Repubblica, sarebbero arrivate solo 30 telefonate e 55 email. I dati si riferiscono al periodo che va dal 12 settembre, giorno dell’inaugurazione del servizio, al 30 dicembre 2016. Facendo un breve calcolo, parliamo di 7 contatti a settimana.

Cristina Cappellini

Molto pochi se si pensa anche al costo che il “telefono anti-gender” ha avuto per le casse del Pirellone.

La campagna degli scherzi telefonici

Affidato all’Age (Associazione Famiglie Italiane), per lo “Sportello famiglia” sono stati stanziati 30 mila euro.
Vale la pena sottolineare che di questi 85 contatti totali, una parte sono scherzi telefonici. All’indomani dell’inaugurazione, infatti, venne lanciata una campagna che invitata a telefonare allo 0245486274 fingendosi genitori preoccupati. Agli operatori venivano poste domande come: “Ho imparato ad uccidere le cimici (cosa da uomo) soffocandole con la lacca Splend’or (cosa da donna) e adesso non so più cosa sono.

La difesa dell’assessora Cappellini

L’assessora Cappellini, strenua sostenitrice del progetto e supporter delle battaglie “contro il gender a scuola”, denunciato come “una deriva culturale”, tenta di difendere il centralino. A Repubblica ha dichiarato che “il servizio, sperimentale, è appena partito e oltretutto da Age ci dicono che il sito, che è stato lanciato da poche settimane e nel quale sono pubblicate circolari e informazioni sulla scuola, sta andando bene e spesso viene preferito al contatto diretto. Quindi andiamo avanti“.
La giornalista precisa però che da novembre ad oggi il sito ha ricevuto “poco più di 2.500 visualizzazioni”. Una cifra imbarazzante.
A cinque mesi dal lancio, dunque, lo “Sportello famiglia” si rivela per quello che è: uno strumento di propaganda a spese dei contribuenti lombardi, per di più nemmeno efficace.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020