Categorie: News

Epis, Lega: “Report su iscrizioni dei bimbi arcobaleno”

Ancora attacchi da parte della Lega contro i papà e le mamme arcobaleno: «Una priorità del mio mandato da Consigliere regionale è quella di tutelare il diritto dei bambini di crescere in una famiglia con una mamma e un papà. La nostra idea di famiglia, che poi è quella prevista dalla Costituzione italiana, è infatti questa». Queste le parole di Federica Epis, consigliera regionale della Regione Lombardia, in una interrogazione in aula durante un question time.

“Solo famiglia con padre e madre garantisce tranquillità”

L’esponente leghista chiede se la Regione Lombardia «non intenda avviare una interlocuzione con Anci per verificare la portata delle iscrizioni all’anagrafe di bambini come figli di coppie dello stesso sesso, che vengono fatte da alcuni Sindaci». La scusa è la solita: «Tutelare i minori, garantendo loro il diritto di crescere in un ambiente che sia in grado di conferirgli tranquillità e i giusti mezzi per diventare un adulto e un cittadino coscienzioso. E soltanto la famiglia composta da madre e padre è il luogo adatto».

La criminalizzazione dei padri gay

Lo scopo sembrerebbe quello di creare una sfera d’azione tra le varie amministrazioni per impedire che i bambini vengano registrati con entrambi i genitori. Per arrivare a questo si proferiscono vere e proprie bugie — è ampiamente dimostrato che i bimbi arcobaleno crescono esattamente come i figli delle coppie eterosessuali — e si procede nella criminalizzazione dei padri gay, per il ricorso alla Gpa definita come «vero e proprio sfruttamento del corpo femminile, che va fermato».

I precedenti di Salvini

Già Salvini aveva agitato le acque in tal senso, evocando un parere dall’Avvocatura dello Stato. Il che dimostra la monotematicità della sensibilità leghista rispetto alla questione. E pure Epis invoca, dal canto suo, l’intervento dello Stato, chiedendo «indicazioni univoche, per sapere come muoversi sul tema delle iscrizioni all’anagrafe, dal momento che si tratta di una materia» di sua competenza. Vuoi mettere, la grande missione di discriminare bambini e ritrarre i loro genitori come mostri?

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020