Categorie: News

Due ragazzi morti e due scomparsi in pochi mesi, Arcigay Napoli: “È urgenza sociale”

Due ragazzi morti e due ragazzi scomparsi nel giro di pochi mesi. Per Arcigay Napoli, i quattro casi che hanno interessato la comunità LGBT partenopea in così poco tempo hanno un tratto comune: il “clima di inspiegabile e disperato silenzio” in cui sono avvolte.

Domande senza risposte

Con un comunicato stampa diffuso poco fa, l’associazione si rivolge alle forze dell’ordine, ma anche alla popolazione di mobilitarsi per arrivare alla verità sulle morti di Simo e di Oleksandr Pavlenko detto Alex e sulle sparizioni sospette di Luigi Celentano e Vincenzo Ruggiero.
Chi e perché ha legato il corpo di Simo prima di gettarlo tra i rifiuti di via Forcella? Cosa è accaduto ad Alex e perché il suo corpo è stato ritrovato esanime nel bosco di Capodimonte? Dove sono e in che condizioni si trovano Luigi e Vincenzo e perché non hanno lasciato alcuna traccia della loro fuga, più o meno volontaria? Sono solo alcune delle domande a cui Arcigay Napoli chiede vengano date delle risposte certe.

L’appello a non abbassare la guardia

Per l’associazione partenopea si tratta di “una verificabile urgenza sociale che coinvolge persone lgbt ancora costrette a confrontarsi con stigma e odio diffuso, soprattutto qualora il loro coming out abbia prodotto conflitti e fratture all’interno dello stesso nucleo familiare”. Per questo Arcigay Napoli chiede “alla magistratura, alla politica territoriale e nazionale e alle Forze dell’Ordine di non abbassare la guardia e insistiamo affinché si indaghi attentamente sulle suddette vicende al fine di comprendere e circoscrivere responsabilità, dinamiche ed implicazioni che, qualora restassero nell’ombra, potrebbero probabilmente mettere a repentaglio il benessere e la vita di altre persone lgbt”.

Condividi

Articoli recenti

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019