Categorie: News

Dan Reynolds ha usato i Billboard Awards per lanciare un messaggio importante

“Ci sono 34 Stati che non vietano la terapia di conversione. I nostri giovani LGBT hanno visto raddoppiare il tasso di depressione e triplicare il tasso di suicidi dopo essere finiti in questi centri. Così non può funzionare e deve cambiare”.

Con queste parole Dan Reynolds leader della band Imagine Dragons ha deciso di usare il tempo dedicatogli durante la cerimonia di premiazione dei Billboard Music Award per ricordare una realtà importante: le teorie riparative per le persone lgbt, ancora esistenti in più di 30 stati dell’America.

Terapie riparative in 34 Stati

Il cantate Dan Reynolds da sempre alleato della comunità Lbgt ha ricordato: “Approfitto di questo momento per dire che ci sono 34 stati che non hanno una legge che vieta le teorie riparative. 34! E detto questo il 58% della nostra popolazione Lgbtq vive in questi stati”
E ha aggiunto: “Questo può cambiare ma dobbiamo parlare noi con i nostri legislatori, spingerli a emanare leggi che proteggano i nostri giovani Lgbtq

Accolto da una standing ovation, Reynolds ha concluso: “Abbiamo visto che queste terapie di conversioni raddoppiano il tasso di depressione e triplicano il tasso di suicidi. Così non può funzionare e bisogna cambiare”

Da sempre da parte della comunità

Anche se mormone ed eterosessuale, l’impegno dell’artista per la comunità arcobaleno è noto. Tra i fondatori del festival musicale LOVELOUD che ha lo scopo di raccogliere denaro nei confronti dei giovani gay cacciati di casa e porre l’attenzione sugli alti tassi di suicidio, in passato fece discutere un tweet in cui invitava i leader religiosi di tutto il mondo a denunciare l’omofobia.

Supplico i leader religiosi di tutto il mondo a difendere l’uguaglianza. La vera uguaglianza – non vuote parole d’amore – attraverso affermazioni e azioni che mostrino ai giovani LGBTQ come siano “senza peccato” e perfetti, così come sono. Fino a quando questi cambiamenti non saranno affrontati all’interno delle dottrine della fede ortodossa, continueremo a vedere un aumento dei tassi di suicidio e depressione / ansia tra i giovani LGBTQ. E’ una falsa verità quella che i giovani LGBTQ avrebbero maggiori probabilità di essere emotivamente vulnerabili a causa di chi sono / come sono.
La verità è che i leader delle nostre comunità hanno creato regole sociali che non lasciano spazio alla salute dei nostri giovani LGBTQ. E’ il sistema ad essere imperfetto, e non l’individuo ad essere difettoso.
Finché i leader di tutte le fedi ortodosse non denunciano le terapie di conversione e accettano pienamente la nostra gioventù LGBTQ, credo che continueremo a vedere un grande esodo da tutte le fedi. Non siamo una generazione che sosterrà l’intolleranza, l’omofobia o il razzismo.
E a quelli che dicono che la semplice risposta è nell’abbandono alla religione da parte dei nostri giovani, dico che non è così semplice. Molti di questi giovani LGBTQ saranno cacciati di casa e messi in una situazione ancor più pericolosa se abbandonano la fede all’interno della loro famiglia. Molti trovano pace nella loro fede. A molti di loro porta conforto in un mondo triste e spesso spaventoso. Ora spetta ai nostri leader. Quanti altri ragazzi dobbiamo perdere prima di praticare il vero amore nelle nostre chiese?

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020