Categorie: News

Cracovia, vescovo choc: “Epidemia Lgbt contro la patria, come il comunismo”

Epidemia Lgbt: così ha definito la lotta per i diritti civili della comunità arcobaleno l’arcivescovo di Cracovia, Marek Jedraszewski. Il discorso si è tenuto durante l’anniversario dell’insurrezione partigiana di Varsavia contro i nazisti, come riporta Il Fatto Quotidiano. «Non esiste più un’epidemia e piaga rossa» ha detto il prelato, riferendosi alla dittatura comunista «ma ne sta nascendo una nuova, quella creata dalla cultura degli Lgbt e delle bandiera arcobaleno, minaccia per i valori e per la solidità sociale e familiare della nostra nazione».

Il clima avvelenato dalla campagna elettorale

I continui attacchi alla gay community polacca vanno letti, sempre per Il Fatto, sotto il riflettore dell’agone politico che sta attraversando la Polonia in questo periodo. «I diritti degli omosessuali e, dall’altra parte, la loro negazione sono infatti uno dei temi più caldi della propaganda elettorale in vista delle prossime elezioni legislative, che si svolgeranno in Polonia il prossimo 13 ottobre», apprendiamo ancora. L’omo-transfobia, insomma, è merce di scambio politica nel paese, fomentata dal partito sovranista PiS (alleato di Salvini, in Europa) avallata anche dalla chiesa ufficiale, a quanto pare. Un brutto clima a cui la comunità ha risposto con ben venti marce per la difesa dei diritti in altrettante città.

Epidemia Lgbt e regime bolscevico

Gli argomenti tirati in ballo sono sempre quelli. Per Jedraszewski «chiunque promuova o difenda l’ideologia Lgbt nega la dignità della società della famiglia e di valori e tradizioni della nazione, come in una nuova e ancor più minacciosa sfida bolscevica alla nostra identità». Insomma, in Polonia lottare per i diritti civili di gay, lesbiche, bisessuali e persone transgender è qualcosa di molto simile al regime bolscevico ormai defunto. «La nuova minaccia», manco a dirlo, è contro il diritto alla vita e contro la dignità di uomo e donna. Gli unici, a sentire il vescovo «che costruiscono una famiglia per fare figli per la patria». Avanguardia pura, verrebbe da commentare, sarcasticamente.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020