Categorie: News

Steve e Rob, la coppia che ha adottato i sei fratelli e sorelle che nessuno voleva

Steve e Rob Anderson-McLean sono una coppia di Pittsburgh, negli Usa. Da poco la loro famiglia si è allargata perché hanno adottati sei fratelli e sorelle. I ragazzi hanno trascorso cinque anni in un istituto prima che Steve e Rob potessero finalmente portarli nella loro casa e nella loro famiglia.
Secondo quanto riporta Today, i due uomini, che stanno insieme da oltre vent’anni, hanno ufficializzato la loro decisione di adottare i fratelli lo scorso 23 maggio, davanti al giudice Joseph K. Williams di Pittsburg. La coppia aveva già cresciuto insieme due ragazzi: Parker di 25 anni e Noah di 21, figli nati da un precedente matrimonio di Steve.

“Avevano bisogno di stare insieme

Nel 2018 hanno saputo che c’erano questi 6 fratelli e sorelle in attesa di adozione.
“Abbiamo visto le loro foto e ce ne siamo innamorati – racconta Rob a Today -. Molti fratelli vengono separati perché le persone vogliono adottare solo quelli più piccoli. Steve e io sapevamo che questi ragazzi avevano bisogno di restare insieme”.

Carlos, 14 anni, Guadalupe, 13 anni, Maria, 12 anni, Selena, 10 anni, Nasa, 9 anni e Max, 7 anni vivono con i loro nuovi genitori da luglio dello scorso anno.
“Dopo la prima settimana hanno cominciato a chiedere se potevano restare per sempre – racconta Steve -. Siamo stati insieme al parco, allo zoo, abbiamo giocato in giardino. Tutto questo era una novità per loro. Divertirsi era una cosa nuova”.

Rifiutati da diverse coppie

Quando l’adozione è diventata ufficiale, per i ragazzi è stato un enorme sollievo. Erano già stati rifiutati da diverse coppie ed erano convinti che sarebbe successo di nuovo.
La preoccupazione più grande per Steve e Rob era Carlos, il più grande, e il modo in cui avrebbe affrontato l’idea di avere come genitori una coppia dello stesso sesso.
“Pensavamo che Carlos, essendo un adolescente, avrebbe avuto qualche problema, invece non si è scomposto per niente” racconta Steve.
“L’altra sera, Max, il nostre figlio di 7 anni, mi ha guardato e mi ha detto “sono adottato” – aggiunge -. Ho annuito e lui ha aggiunto: “Non puoi essere disadottato, vero?”. L’ho rassicurato e gli ho spiegato che sarebbe stato nostro figlio per sempre”.
“Non sono più un orfano – ha detto di recente Carlos a Steve -. Non devo portarmi questo titolo addosso. Finalmente ho una famiglia vera”.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020