Categorie: Politica&diritti

Unioni civili: per il Consiglio d’Europa il “caso Italia” è chiuso

Con l’approvazione della legge sulle unioni civili, lo scorso anno, il “caso Italia” è chiuso. Lo ha stabilito il Consiglio d’Europa che ha chiuso il fascicolo che riguardava il nostro Paese, aperto dopo la sentenza della Corteo Europea dei Diritti dell’Uomo che ci condannava per l’assenza di una legge che tutelasse le coppie gay e lesbiche.

La sentenza della CEDU

La sentenza, che risale a luglio del 2015, riguardava tre casi di altrettante coppie gay che si erano rivolte alla Corte di Strasburgo. I giudici avevano stabilito che l’Italia violava i loro diritti dato che “la protezione legale disponibile a coppie dello stesso sesso non solo non garantisce i bisogni fondamentali per una coppia che sia in una relazione stabile, ma non dà neanche sufficienti certezze”.
Per questo la Corte aveva stabilito che l’Italia dovesse correre ai ripari e approvare uno strumento che riconoscesse legalmente le coppie dello stesso sesso.

Caso chiuso

Per il Consiglio d’Europa (che non è un organo dell’Unione Europea e si occupa di verificare l’attuazione delle sentenze della Cedu) la legge sulle unioni civili risponde a questa richiesta. Per il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, l’Italia ha “adottato un quadro legislativo che garantisce il riconoscimento e la protezione delle coppie dello stesso sesso legate da una relazione stabile attraverso l’unione civile”.
In conseguenza di questa constatazione, dunque, il “caso Italia” è chiuso.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020