Categorie: News

Congresso delle famiglie, è giallo sul logo del governo: “Nessuna richiesta di revoca”

E’ un vero e proprio giallo quello che riguarda l’uso del logo (e quindi il patrocinio) della presidenza del Consiglio dei Ministri al Congresso delle Famiglie che si terrà a Verona a fine marzo.
“Non risulta alcuna richiesta di revoca del patrocinio della Presidenza del Consiglio al World Congress of Families di Verona”. E’ quello che scrivono in questi minuti le agenzie di stampa parlando di “fonti del ministero della Famiglia”. “Le stesse fonti, inoltre – si legge sull’Ansa -, fanno trapelare che è ‘spiacevole’ che questa notizia “emerga mentre il ministro Lorenzo Fontana e il Dipartimento Famiglia sono in viaggio per New York per un evento all’Onu sul tema della conciliazione dei tempi famiglia-lavoro”.

Poche ore fa la notizia della revoca

Proprio oggi, invece, era circolata la notizia della revoca dell’autorizzazione all’uso del logo. Notizia che aveva provocato le reazioni soddisfatte, per quanto prudenti, di alcune associazioni LGBT e della senatrice Cirinnà (pd) che aveva presentato una mozione proprio per chiedere che il logo venisse tolto.
Cosa stia succedendo è difficile da dire. Quello che sappiamo è che la partecipazione di tre ministri e l’uso di quel logo aveva suscitato non pochi malumori nella maggioranza di governo, soprattutto nella componente pentastellata.

I malumori nella maggioranza

Se la senatrice Nugnes (M5S) aveva sottoscritto la petizione di Cirinnà, infatti, il sottosegretario Spadafora aveva sottolineato come si trattasse di un’iniziativa personale “molto personale” del ministro Fontana e non di tutto il Governo.
Alla luce delle ultime notizie, dunque, il logo alla fine ci sarà?

Condividi

Articoli recenti

Napoli, donna trans picchiata e buttata in un tombino

Una donna trans è stata picchiata e rinchiusa in un tombino, a Napoli. Un'aggressione transfobica di una violenza inaudita che…

16 dicembre 2019

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

Hallmark, lo spot di wedding planning non è piaciuto alle mamme cristiane

Questo Natale è crollato uno dei più grandi bastioni dell’eteronormatività: il canale televisivo statunitense Hallmark. A scatenare le ire degli…

12 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019