Concertone dell’1 maggio: sul palco La Rappresentante di Lista, gruppo queer

Ci sarà una presenza “queer” sul famoso palco della Festa dell’1 maggio, al Concertone: si tratta del gruppo musicale La rappresentante di lista, band creata nel 2011 da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, a cui si sono aggiunti gli altri membri che oggi la compongono. Della fine del 2018 è il loro ultimo album, Go Go Diva, un’opera in cui «mettersi a nudo» e ancora «desiderarsi e offrirsi» e  avere il coraggio «di fare delle scelte e viversi la responsabilità», come dichiara a Il Sussidiario l’autrice stessa del gruppo. Oggi li vedremo suonare a piazza San Giovanni.

Conoscere il proprio corpo

Nel rapporto tra identità e corpo si gioca molto, della poetica musicale del gruppo. A cominciare dalla copertina del disco: «Abbiamo iniziato a cercare la posa giusta» dichiara sempre Veronica, «dopo un paio d’ore di acqua addosso, freddo e pose tra le più disparate, presi dalla stanchezza e dal furore abbiamo capito che stavamo girando attorno all’unica cosa che dovevamo fare: spogliarci». Perché infatti è questo il tema principale del disco: mettersi a nudo e farlo insieme. E la cantante spiega ancora: «Ancora oggi molte persone non hanno idea di che cosa significhi conoscere il proprio corpo, non solo sotto il punto di vista sessuale: tu sei strettamente legato a quello che fai, a come ti muovi nel mondo, a quello che senti. E il corpo è lo strumento fondamentale con cui fare esperienza in questa vita». Un inno alla liberazione e alla ricerca della parte più vera di sé, a ben vedere.

Un’arte fluida, come l’identità

La piazza del Concertone

Ed è stata la critica musicale ad aver definito queer il gruppo, definizione che La rappresentante di lista sposa in pieno, insieme ad «un punto di vista plurale femminile. La nostra è una femmina che accoglie, che si prende cura, che ama. Vorremmo fosse garantita una pluralità di visioni, di generi, di idee contro un pensiero “allineato e coperto”». E torna anche sulla fluidità dell’io, Lucchesi, quando afferma: «Non è più il tempo delle definizioni. Come nella sessualità sfumano i confini dei generi, così nella musica». Il corpo, scoprendo se stesso e ridefinendosi, riposiziona l’arte: «Nel secolo scorso i generi musicali servivano a creare un’identità. Oggi stiamo assistendo a una trasformazione e non crediamo sia più possibile collocare i generi musicali all’interno di sistemi identitari».

Sul palco della polemica

La presenza di questo gruppo e di tali tematiche fa rumore, in un’edizione che è stata al centro delle polemiche per la carenza di autrici femminili sul palco. Nell’occhio del ciclone anche Ambra Angiolini, che insieme a Lodo Guenzi condurrà l’evento. La show girl ha dichiarato infatti: «Poche donne sul palco del Concertone del Primo Maggio a Roma? I problemi sono altri, il male è altrove». Continuando: «Io non mi sento offesa, questa è la radiografia della situazione discografica italiana, dunque il problema è a monte. In hit parade le donne sono due nelle prime venti posizioni». Ambra, per queste parole, è stata accusata di scarsa empatia e mancanza di solidarietà. Chissà che la presenza di un gruppo queer non sensibilizzi di più sia il pubblico, sia gli organizzatori per il prossimo anno.

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020