Categorie: News

Casini: “Senza di me non avreste le unioni civili, ma no al matrimonio egualitario”

Intervistato questa mattina da Radio Città del Capo, Pierferdinando Casini è tornato sui temi lgbt. Candidato a Bologna all’uninominale nella coalizione di centrosinistra, l’ex democristiano ha dichiarato di essere contrario al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Poi ha aggiunto: “Possiamo avere idee diverse, ma senza di me e le persone come me non avreste avuto le Unioni civili e il biotestamento”.

Il voto sulle unioni civili

In effetti, Casini e la componente centrista del governo uscente, votarono a favore della legge sulle unioni civili. Ma il voto fu chiesto ponendo la fiducia sul testo e quindi votare contro avrebbe significato fare cadere il governo stesso. Com’è noto, poi, la stesura finale della legge Cirinnà è stata privata dell’articolo che avrebbe introdotto  l’adozione del figlio biologico del partner. Un provvedimento che avrebbe garantito pari diritti a tutti i bambini figli delle coppie dello stesso sesso. Una scelta praticamente obbligata, dopo che il M5S ritirò l’appoggio al cosiddetto “maxi canguro” e data l’opposizione a quella parte del provvedimento proprio da parte dei centristi e dei cattolici del Pd.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020