Categorie: News

Boschi blocca i fondi del bando Unar. Spano: “Contro di me macchina del fango”

Maria Elena Boschi, sottosegretaria alla presidenza del Consiglio e titolare della delega alle Pari Opportunità, ha bloccato i fondi stanziati per il bando dell’Unar finito nell’occhio del ciclone dopo il servizio delle Iene di domenica scorsa.
Intanto, l’ormai ex direttore dell’Unar Francesco Spano parla di “macchina del fango” contro di lui.
“Valuterò nelle prossime settimane come procedere a tutela della mia onorabilità – ha dichiarato Spano all’AdnKronos -. Si è trattato di una bufala, non solo perché i finanziamenti in questione non sono stati ancora erogati, ma perché a essere considerati finanziabili sono stati singoli progetti sociali, proposti da diverse realtà associative e istituzionali e valutati da una commissione secondo criteri oggettivi prestabiliti. La procedura di controllo preliminare all’eventuale erogazione è tutt’oggi in corso”.

Informata la polizia

L’ex direttore dell’Ufficio Antidiscriminazioni Razziali di Palazzo Chigi spiega di essersi dimesso “per rispetto al ruolo affidato all’ufficio che fino ad oggi ho avuto l’onore di guidare. Occuparsi di contrasto alle discriminazioni presuppone, infatti, entusiasmo e generosità: due doti che ho provato ad avere sempre in me in questi mesi e che questa squallida vicenda mi ha tolto”. E nonostante lui stesso parli di una bufala, Spano spiega che subito dopo avere incontrato la troupe delle Iene ha “provveduto a informarne la polizia e ad attivare dei controlli suppletivi interni. Sono certo che a breve verrà certificata l’assoluta correttezza di tutta la procedura”.

“Siamo alla caccia alle streghe”

E dopo i comunicati di ieri sera di Arcigay prima e della stessa Anddos dopo, arriva anche la solidarietà di Famiglie Arcobaleno. “I falsi scoop de Le Iene dovrebbero far riflettere quando hanno come unico risultato quello di bloccare fondi destinati ai centri ascolto e antiviolenza e alle dimissioni del direttore dell’UNAR Francesco Spano” si legge in una nota firmata dalla presidente dell’associazione Marilena Grassadonia.
“Demonizzare i locali gay, usando il sesso come arma, ci dà la misura del clima da caccia alle streghe che ormai la fa da padrone nel nostro Paese – scrive Grassadonia -. Ci chiediamo se il passo indietro chiesto a Spano abbia a che fare con il suo orientamento sessuale o con il sostegno alle politiche volte a combattere l’omolesbotransfobia”.

“I ragazzi abbandonati a se stessi”

“Bloccare i fondi dell’UNAR – denuncia la presidente – significa silenziare la nostra presenza nelle scuole, il nostro ostinato lavoro per diffondere la cultura del rispetto e delle differenze, il nostro impegno nel combattere le Infezioni Sessualmente Trasmesse e abbandonare a loro stessi i ragazzi e le ragazze gay, lesbiche e transessuali ancora vittime di discriminazioni e violenze”.
“Il clima che si è creato nel nostro paese, e alimentato ad arte da certa televisione – conclude -, dovrebbe allarmarci tutti anche al di fuori della comunità LGBTQI. Esprimiamo la nostra solidarietà a Francesco Spano e ad Anddos per il lavoro svolto e per l’impegno nel rendere l’Italia un paese più inclusivo per tutte e tutti”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020