Categorie: News

Boschi blocca i fondi del bando Unar. Spano: “Contro di me macchina del fango”

Maria Elena Boschi, sottosegretaria alla presidenza del Consiglio e titolare della delega alle Pari Opportunità, ha bloccato i fondi stanziati per il bando dell’Unar finito nell’occhio del ciclone dopo il servizio delle Iene di domenica scorsa.
Intanto, l’ormai ex direttore dell’Unar Francesco Spano parla di “macchina del fango” contro di lui.
“Valuterò nelle prossime settimane come procedere a tutela della mia onorabilità – ha dichiarato Spano all’AdnKronos -. Si è trattato di una bufala, non solo perché i finanziamenti in questione non sono stati ancora erogati, ma perché a essere considerati finanziabili sono stati singoli progetti sociali, proposti da diverse realtà associative e istituzionali e valutati da una commissione secondo criteri oggettivi prestabiliti. La procedura di controllo preliminare all’eventuale erogazione è tutt’oggi in corso”.

Informata la polizia

L’ex direttore dell’Ufficio Antidiscriminazioni Razziali di Palazzo Chigi spiega di essersi dimesso “per rispetto al ruolo affidato all’ufficio che fino ad oggi ho avuto l’onore di guidare. Occuparsi di contrasto alle discriminazioni presuppone, infatti, entusiasmo e generosità: due doti che ho provato ad avere sempre in me in questi mesi e che questa squallida vicenda mi ha tolto”. E nonostante lui stesso parli di una bufala, Spano spiega che subito dopo avere incontrato la troupe delle Iene ha “provveduto a informarne la polizia e ad attivare dei controlli suppletivi interni. Sono certo che a breve verrà certificata l’assoluta correttezza di tutta la procedura”.

“Siamo alla caccia alle streghe”

E dopo i comunicati di ieri sera di Arcigay prima e della stessa Anddos dopo, arriva anche la solidarietà di Famiglie Arcobaleno. “I falsi scoop de Le Iene dovrebbero far riflettere quando hanno come unico risultato quello di bloccare fondi destinati ai centri ascolto e antiviolenza e alle dimissioni del direttore dell’UNAR Francesco Spano” si legge in una nota firmata dalla presidente dell’associazione Marilena Grassadonia.
“Demonizzare i locali gay, usando il sesso come arma, ci dà la misura del clima da caccia alle streghe che ormai la fa da padrone nel nostro Paese – scrive Grassadonia -. Ci chiediamo se il passo indietro chiesto a Spano abbia a che fare con il suo orientamento sessuale o con il sostegno alle politiche volte a combattere l’omolesbotransfobia”.

“I ragazzi abbandonati a se stessi”

“Bloccare i fondi dell’UNAR – denuncia la presidente – significa silenziare la nostra presenza nelle scuole, il nostro ostinato lavoro per diffondere la cultura del rispetto e delle differenze, il nostro impegno nel combattere le Infezioni Sessualmente Trasmesse e abbandonare a loro stessi i ragazzi e le ragazze gay, lesbiche e transessuali ancora vittime di discriminazioni e violenze”.
“Il clima che si è creato nel nostro paese, e alimentato ad arte da certa televisione – conclude -, dovrebbe allarmarci tutti anche al di fuori della comunità LGBTQI. Esprimiamo la nostra solidarietà a Francesco Spano e ad Anddos per il lavoro svolto e per l’impegno nel rendere l’Italia un paese più inclusivo per tutte e tutti”.

Condividi

Articoli recenti

Aggressione omofoba a Massa: prima le offese poi i colpi di casco

Un ragazzo sarebbe stato aggredito con un casco integrale dopo essere stato offeso per la sua sessualità. Denuncerà.

23 settembre 2019

Roma: blitz fascista al Village, l’estivo di Muccassassina

Ieri sera, prima di iniziare la serata dell'estivo di Muccassassina una brutta sorpresa: simboli fascisti all'ingresso del locale.

22 settembre 2019

Minoranza nella minoranza: cosa significa essere bisessuali in India

Essere bisessuali non è così difficile o strano da comprendere. Allora perché le gente continua a comportarsi come se lo…

21 settembre 2019

Quando ad esser cattivi sono i super eroi: ecco “The boys”, su Amazon Prime

Personaggi disfunzionali, abusi sessuali e preghiere per curare i gay... c'è di tutto nella nuova serie tv.

21 settembre 2019

Università russa spia studente: «Sei gay». E rischia l’espulsione

L'università degli Urali ammette di controllare i social degli studenti e ne accusa uno di fare propaganda gay

20 settembre 2019

Omofobia in Puglia, altra coppia gay allontanata da un lido a Gallipoli

La denuncia da parte di un ragazzo di trentasei anni e del suo compagno.

20 settembre 2019