Categorie: News

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l’atto di nascita dei figli di una coppia di donne indicando anche l’altra madre.
La donna è anche la donatrice degli ovuli poi fecondati e impiantati nell’utero della compagna che ha portato a termine la gravidanza.

Il no nel 2018

Come riporta RiminiToday, la coppia aveva fatto ricorso contro il diniego del Comune a novembre 2018. L’atto di nascita dei due bambini indicava una sola madre: quella che li aveva partoriti. Alla richiesta della coppia di annotare anche l’altra madre, lo Stato civile del Comune di Rimini si era rifiutato.
Adesso, invece, alla luce della decisione del Tribunale, dovrà procedere all’annotazione e i bambini avranno ufficialmente due mamme anche per lo Stato.
La sentenza del Tribunale risale allo scorso aprile, ma la sentenza è state depositata solo qualche giorno fa.

Come riconoscere due mamme

Com’è noto, attualmente in Italia non esiste una legge che riconosca due genitori dello stesso sesso. Ma non ne esiste neanche una che lo vieti. Per questo molti comuni procedono comunque alla registrazione di bimbi con due mamme, anche grazie a diverse sentenze di altrettanti tribunali pronunciate nel corso degli anni. A questo link e a quest’altro link trovate la guida di Gay Lex su come chiedere la formazione di un atto di nascita con due madri.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ungheria, il partito di Orban vuole una legge per vietare di parlare di temi Lgbt a scuola

"Ogni testo di propaganda o promozione dell'omosessualità è dannoso per i minorenni", per Fidesz.

13 Giugno 2021

Eva, picchiata per una borsa arcobaleno: un caso che spiega “per chi” serve la legge Zan

Non sappiamo se Eva sia una ragazza lesbica o meno. Sappiamo che la sua aggressione…

12 Giugno 2021

Fuori i nomi, il libro di Simone Alliva che racconta i 50 anni della comunità Lgbt+ italiana

C'è vita sussurrata, narrata o addirittura urlata, nelle pagine di Fuori i nomi. E non…

11 Giugno 2021

Ddl Zan, Scalfarotto (IV): “La destra vuole solo perdere tempo: si vada in aula compatti”

"Italia viva è una di quelle forze politiche che ha fortemente voluto il ddl Zan.…

10 Giugno 2021

Omofobia sul tram a Roma: prima insulta 2 asiatiche, poi minaccia il ragazzo che le difende

"Vieni de fori, te sfonno la faccia", così l'uomo ha aggredito un giovane sui mezzi…

4 Giugno 2021

Torino Pride in piazza il 5 giugno: “Nessun compromesso sul ddl Zan”

Il 5 giugno, sabato, Torino scende in piazza per sostenere il ddl Zan. La manifestazione,…

3 Giugno 2021