Categorie: CoolFoto

Stephen Amell (Arrow) torna al Pride e la maglietta è epica

Domenica scorsa, Stephen Amell -attore protagonista della serie televisiva Arrow- è tornato al Pride di Vancouver.
Era presente anche un anno fa in t-shirt e cappellino d’ordinanza, accompagnato dalla sua famiglia. L’attore, attivissimo sui social, non perse l’occasione di pubblicare alcune foto sui suoi profili Facebook e Instagram scatenando tantissimi commenti di sostegno e apprezzamento ma, fra questi, anche qualche messaggio negativo. A quelle parole violente Amell rispose con un post su Facebook rivendicando la sua partecipazione: “Ho trascorso un weekend fantastico a Vancouver con mia moglie e i miei amici, ho incontrato persone grandiose e, più di tutto, ho cercato di immergermi in tutta l’energia positiva delle persone che vivono al meglio le loro vite“. Infine, un impegno: “Se il prossimo anno sarò a Vancouver, non tornerò solo [ad assistere, ndr] ma prenderò parte alla parata“.

È trascorso un anno: domenica 5 agosto 2018 il Pride è tornato a sfilare a Vancouver per la sua quarantesima edizione. Stephen Amell -felicemente etero e sposato- ha mantenuto la promessa e la sua partecipazione è riassumibile con le parole stampate sulla sua maglietta: “Non sono gay ma 20 dollari sono 20 dollari”.

 

 

 

 

 

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020