Categorie: News

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia di Oristano, ha deciso di rompere la catena di insulti e vessazioni ricevuti da sua madre e da suo fratello: ora la vicenda è finita in tribunale.

ORDINARIA OMOFOBIA

P.P., queste le iniziali dell’uomo secondo L’Unione Sarda, avrebbe subito per almeno tre anni insulti e umiliazioni da parte della madre e del fratello. La vittima, sposato e con tre figli, avrebbe fatto coming out solo quale anno fa, parlandone in primis con la moglie. Quest’ultima avrebbe accettato con serenità il coming out del marito.
Lo stesso evidentemente non è stato per la madre e per il fratello di P.P. che pare non abbiano mai accettato la sua nuova relazione con un uomo.

«SOLO IL SUICIDIO SALVA IL DISONORE»

P.P., che di lavoro fa l’allevatore, ha raccontato al quotidiano sardo che sua madre «disse che non voleva un figlio omosessuale, che per lei ero morto e che avrebbe fatto in modo di portarmi via i bambini».
Poi, in un crescendo di insulti, la frase che fa gelare il sangue, soprattutto se detta da una madre: «Mi diceva che solo il suicidio avrebbe lavato il disonore che stavo creando alla nostra famiglia».

TENTATIVO DI COINVOLGERE I FIGLI

Sono parole talmente pesanti che P.P. pensa davvero al suicidio, soprattutto quando da parte della madre arrivano accuse di prostituzione e pedofilia. La goccia che fa traboccare un vaso già colmo arriva quando la donna dice ai figli di P.P.: «ai tempi di Hitler quelli come il babbo finivano nelle camere a gas e diventavano saponette».
Poi è stato il momento delle percosse e le minacce di morte.

IN TRIBUNALE PER STALKING, NON PER OMOFOBIA

P.P. dice basta e insieme all’avvocata Romina Marongiu si costituisce parte civile contro la madre e il fratello. Naturalmente, la denuncia parla di stalking e non di omofobia, dato che non c’è una legge che la condanni. La linea della difesa sta provando a sviare l’attenzione su questioni economiche. La madre ha dichiarato: «Non ho mai saputo nulla dell’omosessualità di mio figlio, me lo ha detto a bruciapelo senza darmi il tempo di capire. Non è colpa mia se non riesco a concepirlo, sono una donna all’antica».

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020