Categorie: News

Allarme Hiv in Russia: presunto nuovo ceppo arrivato dall’Asia

Manifestazione per la giornata contro l’Aids

Secondo quanto riporta Askanews, riprendendo l’agenzia di stampa russa Tass, «un nuovo ceppo, più pericoloso, del virus HIV si sta diffondendo in Russia», ceppo molto più aggressivo rispetto a quelli finora conosciuti. Come si legge ancora sul sito, «il nuovo virus sarebbe un mix del ceppo comune del virus HIV che si trovava già in Russia e un nuovo ceppo dall’Asia centrale».

La scoperta è del dottor Eduard Karimov, capo del laboratorio di Immunologia presso l’Istituto di Virologia Ivanovsky, il quale «riferisce che si chiama A63 e si tratta di un ceppo diverso da quelli attivi in Europa occidentale, negli Stati Uniti, in Africa e Cina». Esso sarebbe «arrivato con i lavoratori migranti provenienti dall’Asia centrale e avrebbe infettato un numero enorme di persone, anche a Mosca», sempre secondo quanto dichiarato dal ricercatore.

Intanto l’allarme è scattato e a Mosca si invitano le persone «a fare esami di controllo sulle metropolitane e sui mezzi pubblici. La Russia è il Paese al mondo dove il virus si diffonde di più».

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020