Categorie: CoolNews

Jurassic World 2: ad estinguersi, stavolta, è il personaggio Lgbt

Se il mondo delle fiction pullula di personaggi arcobaleno, lo stesso non si può dire dei film di Hollywood dove l’omosessualità sembra ancora essere un tabù difficile da quotidianizzare. È successo già con Albus Silente nel sequel di Animali fantastici ed è lo stesso destino toccato al personaggio di Zia Rodriguez, interpretata da Daniella Pineda nella celebre saga dei dinosauri Jurassic World – Il regno distrutto. Ad affermarlo è la stessa attrice.

La scienziata è lesbica, ma nel film non si può dire

Daniella Pineda, nel personaggio di Zia Rodriguez

«Nel film non vengono rivelate troppe informazioni riguardanti Zia» riporta MondoFox, «se non una certa conoscenza scientifica legata (ovviamente) ai dinosauri. A quanto pare, però, il personaggio della Pineda aveva una sequenza, poi rimossa, in cui veniva posto l’accento sul fatto che fosse gay». Tuttavia, la scena in cui avviene questo coming out è stata rimossa: «Pineda ha infatti reso noto che la scena tagliata dalla versione finale del film riguardava un dialogo con Owen Grady all’interno di un veicolo militare, incentrato proprio sulla particolarità che il suo personaggio non ama uscire coi maschi».

“Scena simpatica, ma l’hanno tagliata”

Pineda descrive, poi, come sarebbe stata la scena: «Guardo Chris ed è una cosa tipo: “Sì, mascella squadrata, buona struttura ossea, alto, muscoli. Non frequento gli uomini, ma se lo facessi, saresti tu. Mi farebbe schifo, ma lo farei”». Eppure questa semplice affermazione deve esser sembrata eccessiva. «Adoro il fatto che guardo Chris Pratt, il ragazzo più figo del mondo, pensando “Mi farebbe schifo, ma credo che lo farei!”» dichiara ancora l’attrice, «era simpatica come sequenza, perché era un piccolo spaccato del mio personaggio. Ma l’hanno tagliata».

Personaggi Lgbt relegati in recinti specifici

Eppure Hollywood ha dedicato più di una pellicola al mondo Lgbt. Nonostante ciò sembra che l’omosessualità o, più in generale, le sessualità che fuoriescono dal canone eteronormativo debbano essere relegate in recinti specifici. Introdurre le differenze sessuali in un contesto di quotidianizzazione all’interno della storia narrata, senza necessariamente sviluppare una storia strutturata attorno ad esse, può essere d’aiuto per “normalizzare” le stesse. Speriamo che oltre oceano superino, e al più presto, i loro tabù.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

L’appello disperato di Camilla, vittima di lesbofobia: “Possiamo fare qualcosa? Lo Stato non mi aiuta”

Si chiama Camilla Cannoni, a giudicare dalle foto che pubblica sui suoi social, è un'operatrice…

28 ottobre 2020

Legge Zan: Costa presenta di nuovo l’emendamento che fece infuriare la comunità LGBT+

La legge Zan torna questa mattina alla Camera dei Deputati. La discussione per l'approvazione del…

28 ottobre 2020

Legge Zan, Camera: respinte le pregiudiziali di costituzionalità

Superato uno dei primi scogli alla Camera. Prosegue il dibattito sulla legge Zan.

27 ottobre 2020

Legge Zan, domani si torna in aula: la maggioranza presenta 7 emendamenti

La maggioranza presenterà sette emendamenti alla legge Zan che ritorna in aula domani pomeriggio. "I…

26 ottobre 2020

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020