Categorie: News

All Out: 141.000 firme contro il Congresso di Verona. Domani la consegna

Benché il sigillo della Presidenza del Consiglio sia stato rimosso dal sito del Congresso mondiale delle famiglie. I patrocini delle altre istituzioni restano e sono in aumento (si è aggiunta la Regione Friuli-Venezia Giulia).

Raccolte 141.000 firme

Domani l’associazione ‘All Out’ organizza un flash mob in cui saranno consegnate le oltre 141mila firme per richiedere il ritiro di tutti i patrocini al Congresso mondiale delle famiglie in programma a Verona nel fine settimana. Le firme saranno consegnate alle 11.30 alla sede della Provincia di Verona e in contemporanea in via digitale alla Regione Veneto, Regione Friuli Venezia Giulia, presidente del Consiglio dei Ministri e ministero per la Famiglia e le Disabilità.

“Immagine dell’Italia compromessa”

“Queste istituzioni devono tener conto delle idee di tutti i cittadini, non possono rendersi parte e strumento di una campagna ideologica che tende a escludere. Con la loro decisione di patrocinare questo evento stanno trasmettendo un’immagine del nostro Paese che non ci fa certo onore presso la comunità internazionale”, ha ricordato Yuri Guaiana, Senior campaign manager di All Out. Promossa proprio da All Out assieme ad altre 29 associazioni italiane ed europee la petizione era stata avviata per richiedere il ritiro di tutti i patrocini al Congresso mondiale delle famiglie, come aveva raccontato proprio Guaiana sulle colonne di GayPost

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020