Categorie: News

Aggressione omofoba a Massa: prima le offese poi i colpi di casco

Una aggressione omofoba sarebbe avvenuta a Massa, in Toscana, nella notte tra sabato e domenica. A denunciarlo la vittima, tramite i suoi profili social.

IL FATTO

Il ventenne universitario sarebbe stato aggredito in pieno centro a Massa. Racconta che uno sconosciuto lo avrebbe colpito al volto con un casco integrale dopo averlo offeso per la sua omosessualità. Al momento dell’aggressione era in compagnia di una amica.

LE CONSEGUENZE

Secondo quanto riportato dal ragazzo non avrebbe perso i sensi a seguito dell’aggressione, ma di essere semplicemente rimasta stordito e di essere comunque riuscito a raggiungere la sua abitazione. D’accordo con i genitori avrebbe poi cercato cure mediche al pronto soccorso di Massa Carrara, soprattutto per la grossa ecchimosi causata dal colpo ricevuto.

DENUNCIA E TESTIMONI

Sempre tramite i suoi social il ragazzo ha fatto sapere che è sua intenzione denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine. Secondo il suo racconto, tra l’altro, i testimoni del fatto sarebbero molti. Si attendono novità.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020