Categorie: News

19enne uccisa in Pakistan: gli ha sparato il padre perché era una ragazza transgender

Un uomo in Pakistan è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso la propria figlia transgender.

Aveva solo 19 anni

Maya aveva 19 anni anni e veniva dalla provincia di Khyber Pakhtunkhwa, di recente aveva lasciato la casa dei propri genitori per vivere con i suoi amici nella città di Peshawar, come riporta The Independent.

Il rapimento della famiglia

Una possibilità che si era data per vivere liberamente, fino a che sabato la sua famiglia non aveva deciso di riportarla a casa. L’allarme è stato lanciato dai suoi amici che hanno prontamente contattato la polizia preoccupati per il destino della ragazza.

Polizia: “Il padre era sconvolto”

Maya è stata tuttavia portata nella città di Nowshera contro la sua volontà. Il padre, Aurangzeb Akbar, aveva provveduto a firmare una sorta di “assicurazione” alla polizia dove prometteva che non averebbe aggredito suo figlia. Secondo la polizia Akbar era “sconvolto” dal fatto che sua figlia potesse essere una ragazza transgender. Una promessa non mantenuta quella del padre. Poche ore più tardi il corpo crivellato di proiettili di Maya è stato ritrovato sulla riva del fiume Nowshera.
Domenica l’annuncio della polizia: l’arresto di Akbar e la ricerca dei complici; i fratelli e lo zio di Maya, come riporta la tv pakistana Samaa TV.

 

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020