News

Quelli di Verona contro Cirinnà ministra: “Governo pericoloso per la famiglia”

Aleggia un certo nervosismo, tra i leader che hanno sfilato al Congresso della famiglia di Verona lo scorso marzo. Nervosismo che si coagula attorno ad un nome: Monica Cirinnà. I rumors di affidare alla paladina delle unioni civili il ministero delle Pari opportunità ha già fatto venire non pochi mal di pancia a chi pensa che esista un solo tipo di famiglia: quella composta da padre, madre e figli. Disconoscendo la molteplice e meravigliosa realtà che sta al di fuori dell’angusto concetto di famiglia “tradizionale”.

Gandolfini: “Governo pericoloso per la difesa della vita”

Non ci sta Gandolfini, leader del Family day: «Nasce il governo più potenzialmente pericoloso per la difesa della vita, della famiglia e della libertà educativa» riporta l’Ansa. «La madrina delle unioni civili ha parlato di un lavoro su eutanasia, liberalizzazione delle droghe, omogenitorialità (leggasi regolamentazione utero in affitto e eterologa per tutti) e la liberticida legge sull’omofobia che mira a mettere il bavaglio a chi dice che i bambini hanno diritto ad un padre e una madre». E minaccia, il leader ultracattolico: «Un esecutivo di minoranza in termini di rappresentanza del sentire del Paese non si azzardi a toccare temi fondamentali per il tessuto sociale e antropologico dell’Italia».

Fontana: “Troveranno punti in comune per legalizzare droghe e adozioni”

Deluso e preoccupato si mostra anche l’ormai ex ministro Fontana, che alla festa della Lega attacca, anche lui, la senatrice dem: «Oggi ho visto un post della Cirinnà» ha dichiarato «in predicato per diventare ministro alle Pari Opportunità, perché la famiglia l’hanno già tolta: poi, o c’è lei o Spadafora. Troveranno dei punti in comune sulle adozioni per tutti e sulla legalizzazione delle droghe». Peccato che entrambi i rappresentanti delle frange più oltranziste della destra clericale dimentichino che questa crisi e il governo che ne è conseguito non è figlio di alcun ribaltone: la situazione è stata determinata proprio da Matteo Salvini. Forse è con lui che dovrebbero prendersela.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

No alle mascherine rosa? Ma se è un colore per maschi!

La recente polemica sulle mascherine rosa, che sarebbero "indecorose" per la polizia, ha suscitato non…

15 Gennaio 2022

Sindaco Gualtieri, che fine ha fatto l’ufficio lgbtqia+ di Roma?

Lo aveva promesso in campagna elettorale, Gualtieri, incontrando le associazioni lgbtqia+: Roma, con lui sindaco,…

15 Gennaio 2022

Polonia, camera bassa approva legge anti-Lgbt per le scuole

Una legge che limita la libertà di insegnamento: in Polonia si rischia di non poter…

14 Gennaio 2022

“Ricchione di merda”: l’orribile messaggio su Instagram a un ragazzo di 18 anni

Succede che una mattina apri Instagram, come sempre, e ti trovi un messaggio: “Sei un…

14 Gennaio 2022

Cosa è rimasto, dopo 24 anni, del sacrificio di Alfredo Ormando?

Alfredo Ormando è un nome che riecheggia dentro il movimento Lgbt+, soprattutto tra militanti di…

13 Gennaio 2022

Drusilla Foer condurrà Sanremo 2022: un salto di qualità per il Festival

Ci sarà lei, Drusilla Foer, tra le cinque professioniste che accompagneranno Amadeus per la nuova…

12 Gennaio 2022