Categorie: News

Quelli di Verona contro Cirinnà ministra: “Governo pericoloso per la famiglia”

Aleggia un certo nervosismo, tra i leader che hanno sfilato al Congresso della famiglia di Verona lo scorso marzo. Nervosismo che si coagula attorno ad un nome: Monica Cirinnà. I rumors di affidare alla paladina delle unioni civili il ministero delle Pari opportunità ha già fatto venire non pochi mal di pancia a chi pensa che esista un solo tipo di famiglia: quella composta da padre, madre e figli. Disconoscendo la molteplice e meravigliosa realtà che sta al di fuori dell’angusto concetto di famiglia “tradizionale”.

Gandolfini: “Governo pericoloso per la difesa della vita”

Non ci sta Gandolfini, leader del Family day: «Nasce il governo più potenzialmente pericoloso per la difesa della vita, della famiglia e della libertà educativa» riporta l’Ansa. «La madrina delle unioni civili ha parlato di un lavoro su eutanasia, liberalizzazione delle droghe, omogenitorialità (leggasi regolamentazione utero in affitto e eterologa per tutti) e la liberticida legge sull’omofobia che mira a mettere il bavaglio a chi dice che i bambini hanno diritto ad un padre e una madre». E minaccia, il leader ultracattolico: «Un esecutivo di minoranza in termini di rappresentanza del sentire del Paese non si azzardi a toccare temi fondamentali per il tessuto sociale e antropologico dell’Italia».

Fontana: “Troveranno punti in comune per legalizzare droghe e adozioni”

Deluso e preoccupato si mostra anche l’ormai ex ministro Fontana, che alla festa della Lega attacca, anche lui, la senatrice dem: «Oggi ho visto un post della Cirinnà» ha dichiarato «in predicato per diventare ministro alle Pari Opportunità, perché la famiglia l’hanno già tolta: poi, o c’è lei o Spadafora. Troveranno dei punti in comune sulle adozioni per tutti e sulla legalizzazione delle droghe». Peccato che entrambi i rappresentanti delle frange più oltranziste della destra clericale dimentichino che questa crisi e il governo che ne è conseguito non è figlio di alcun ribaltone: la situazione è stata determinata proprio da Matteo Salvini. Forse è con lui che dovrebbero prendersela.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020