Categorie: News

Torino: mostra fotografica vandalizzata nel giorno della Trans Freedom March – FOTO e VIDEO

Ieri mattina, mentre nella sala Polivalente della Circoscrizione 6 si svolgeva un dibattito sui temi della violenza di genere sulle donne e sulle persone trans, ignoti hanno vandalizzato la mostra allestita nello stesso stabile e intitolata “Generi di prima necessità”. Entrambe le iniziative facevano parte del calendario degli eventi organizzati dal Coordinamento Torino Pride, col patrocinio di Comune e Regione, in occasione del Transgender Day of Remembrance 2017.
Su una delle foto della mostra è stato scritto “No gender nelle scuole”.

La foto sfregiata

L’assessore alle Pari Opportunità del Comune, Marco Giusta, ha assicurato che sarà fatto tutto il necessario per individuare i responsabili. Intanto, la foto sfregiata è stata rimossa dalla mostra.

Duemila persone in piazza per la Trans Freedom March

Nel pomeriggio, intanto, la quarta Trans Freedom March torinese ha sfilato per le vie della città, da piazza Vittorio a piazza Castello. Circa duemila persone hanno marciato dietro lo striscione d’apertura retto da alcune persone trans. Una volta in piazza Castello, dal palco sono state lette le storie di molte delle vittime di violenza transfobica dell’ultimo anno. Davanti ad una piazza che ascoltava in silenzio, poi, i ragazzi  e le ragazze di un liceo Torinese hanno dato il via al candlelight sulle note di Over the Rainbow. La chiusura della serata è stata affidata all’esibizione del Free Voices Gospel Choir che ha concluso cantando “Freedom”: un rito quasi catartico e, appunto, liberatorio contro le violenze le discriminazioni.

“Noi ci mettiamo i nostri corpi, loro si nascondono”

“Dopo ieri pomeriggio, vinceremo noi – commenta il coordinatore del Torino Pride Alessandro Battaglia, commentando l’episodio della foto – Noi ci mettiamo le nostre facce e i nostri corpi. Loro si nascondono come dei vigliacchi”. “Sono la melma che paralizza la nostra società – conclude – e tenta di impedirle di progredire. Dobbiamo aiutarli a non essere più melma”.

 

In diretta dalla #Transfreedommarch di Torino

Pubblicato da Gaypost.it su Sabato 18 novembre 2017

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020