Categorie: News

Uno sguardo normale, torna il Sardinia Queer Festival

Riparte stasera la nuova edizione di Uno Sguardo Normale Expo – Sardinia Queer Short Film Festival, che proporrà anche quest’anno una ricca rassegna di cortometraggi e lungometraggi a tematica Lgbt e queer. L’evento si terrà a Cagliari ed è organizzato da Arc Cagliari, da ARCinema e dall’organizzazione studentesca UniversitARC.

Un calendario molto ricco

Come riportano le realtà organizzatrici nel comunicato di presentazione dell’evento, «il ricco calendario, ospitato al Cineteatro Nanni Loy di via Trentino a Cagliari tra lunedì 3 e sabato 8 dicembre, sarà anticipato dalla maratona di proiezioni dei 38 cortometraggi selezionati per Sardinia Queer Short Film Festival, in calendario nei giorni 30 novembre e 1 dicembre».

Il record del 2018

I cortometraggi sono stati «scelti tra ben 741 opere iscritte al concorso da 69 paesi diversi, per oltre 124 ore di visione». Un vero e proprio record, visto che nelle edizioni precedenti le iscrizioni contavano numeri più contenuti. Vari i paesi di provenienza, dall’Argentina all’Australia, passando per diversi paesi europei fino alle rappresentanze asiatiche di Austria, Belgio, Brasile, Canada, Francia, Germania, Gran Bretagna, India, Indonesia, Israele.

La giuria

Tra i giurati, che assegneranno il Sardinia Queer Award, «il premio di 2000 euro assegnato dalla Giuria del Festival» ci sono il giornalista e critico cinematografico sardo Sergio Naitza, Franco Grillini il cui nome non ha bisogno di ulteriori presentazioni, il regista Bartholomew Sammut, la storica Loredana Rossi e Federica Cozzella, «grafica, web designer e rappresentante del direttivo nazionale di Alfi – Associazione Lesbiche Femministe Italiane».

Una narrazione rainbow

Un’edizione che si preannuncia ricca e rappresentativa della cultura e dell’identità della comunità Lgbt sarda e nazionale, con uno sguardo che varca i nostri confini e che vuole offrire alla società tutta una rappresentazione del nostro mondo che parla il nostro linguaggio, propone le nostre grammatiche relazionali e identitarie e colora anche il mondo del cinema con i colori del rainbow. Da non perdere, insomma.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020