Categorie: Rainbow

I papà stirano, ditelo a chi fa certi esercizi di grammatica

A casa nostra siamo due papà e lavoriamo entrambi. E questo, secondo l’esercizio del libro di seconda elementare (giustamente) al centro delle polemiche in questi giorni, effettivamente non fa una piega! Mi piacerebbe dire che leggiamo entrambi. Ma la verità è che mio marito Sergio legge tantissimo (giornali, romanzi, riviste, saggi) mentre io per lo più leggo libri fantasy: vale lo stesso? Nessuno di noi due stira, se non per necessità… ma ci sarebbe da domandarsi se chi fa “di necessità virtù” sia una mamma o un papà. La cosa incredibile, per cui l’autore (o l’autrice) del libro avrebbe un sussulto destabilizzante, è che pur essendo due papà cuciniamo entrambi! E lo facciamo peraltro entrambi bene (io in verità meglio, ma lo dico sottovoce a voi sperando che Sergio non legga questo post!).

Crescere in una famiglia in cui i papà cucinano entrambi

Un altro esercizio dal contenuto sessista

Alice e Luca, insomma, crescono in una famiglia in cui i papà cucinano, lavano e puliscono (ok, io meno lo confesso!) e, all’occorrenza, stirano. Mandano le lavatrici e le lavastoviglie, lavando perfino i piatti a mano quando serve, stendendo i panni umidi sullo stendino… (incredibile eh!). E non a caso sia Alice sia Luca amano leggere, senza distinzioni legate al loro sesso, ed entrambi sono desiderosi di aiutare a cucinare o a fare delle faccende di casa. Nella nostra famiglia qualcuno a volte sorge, altre volte qualcuno tramonta, come fosse il sole. E di certo il nostro amore quotidiano scorre e illumina le nostre giornate. Luca salta e Alice rosicchia, entrambi corrono per casa, papà Michele talvolta quando è arrabbiato gracida. E spesso stiamo distesi tutti insieme sul letto o sul divano e giochiamo a vola-vola oppure a cavalluccio col papà di turno che nitrisce.

Scardinare gli stereotipi di genere

Le famiglie omogenitoriali scardinano in modo prepotente gli stereotipi di genere in contesti familiari, ed è probabilmente uno dei motivi per cui sono così tanto avversate da chi vorrebbe continuare a relegare le donne in casa. Per fortuna, però, non sono solo le famiglie con due mamme o due papà a non replicare certi modelli, perché quasi tutte le mie amiche eterosessuali in coppia con figli lavorano e leggono, e quasi tutti i miei amici eterosessuali in coppia con figli cucinano e stirano (soprattutto le proprie camicie!). Di certo leggere ancora nel 2019 certi stereotipi medievali su uomini e donne e sui loro ruoli familiari e sociali un qualche effetto lo fa: gela il sangue!

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020