Categorie: Video

Nuvola arcobaleno sui cieli del Brasile, lobby gay contro Bolsonaro

Una nuvola arcobaleno sovrasta i cieli brasiliani. Ditelo a Salvini. E pure a Pillon. Bolsonaro si è messo contro la comunità Lgbt? Noi della lobby gay – e pericolosi alfieri del “gender” – gli abbiamo colorato le nuvole. Ed è solo l’inizio. Tremate, massaie padane! Non sapete cosa può accadere nella vostra lavatrice alle mutande dei vostri virilissimi mariti.

Cosa c’è dietro la nuvola arcobaleno

Scherzi a parte, quello della “nuvola arcobaleno” è in realtà un fenomeno naturale detto anche “nuvola iridescente”. Esso è dovuto – come riporta Repubblica.it, a cui abbiamo ripreso il video – «alla diffrazione della luce solare causata da minuscole gocce d’acqua sospese nell’atmosfera. Compaiono spesso nelle giornate calde e umide, e accompagnano i temporali». L’evento è stato ripreso da un abitante nel nord del Paranà, in Brasile. Ma non è detto che non ci sia dietro qualche sordida macchinazione della perfida lobby Lgbt. Come dire, uomo avvisato…

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020