Categorie: News

Minaccia di outing a scuola, la denuncia: «Nostra figlia sottoposta a terapie di conversione a scuola»

Sono passati pochissimi giorni dalla protesta degli studenti della Bishop Amat Memorial High School a La Puente, California. Adesso i genitori di Magali Rodriguez, una delle ragazze che si sono viste minacciate di outing, hanno deciso di parlare. E la accuse sono gravi: la scuola avrebbe costretto la figlia a partecipare a terapie di conversione.

MAGALI RODRIGUEZ

La storia l’avevamo anticipata qualche giorno fa. Magali Rodriguez ha frequentato la Bishop Ama per tre anni prima che i suoi genitori decidessero di ritirarla. Magali non aveva nemmeno fatto coming out in famiglia, ma lo staff della scuola ha iniziato a farle pressioni sul suo orientamento sessuale. Le hanno promesso di mantenere il segreto, purché Magli si fosse sottoposta alle cosiddette terapie riparative.

TERAPIA RIPARATIVA E DI CONVERSIONE

«Volevano convincerla a smettere di essere gay. A smettere di sentirsi così», ha raccontato Martha A.Tapia-Rodriguez. «Volevano convincerla che fosse sbagliato. Sono furiosa a pensare che siano andati avanti per così tanto tempo senza che noi lo sapessimo».
Il padre, Nicolas Rodriguez, racconta: «Lo scopo era quello di umiliarla per farla smettere o per farla cambiare». La famiglia afferma che lo staff scolastico ha ordinato di tenero d’occhio Magali così che non avesse contatti ravvicinati con la sua ragazza. Anche anche dichiarato che i consulenti scolastici abbiano tentato di sottoporre Magali alle terapie di conversione senza il consenso dei genitori.

TERAPIE FUORILEGGE IN CALIFORNIA

Le terapie di conversione, o riparative, sono fuori legge in California. E lo sono anche per quanto riguarda i consulti-psicologi delle scuole. Anche la comunità scientifica e medica non vede di buon occhio queste terapie, considerata inutili e dannose.
«Come la scuola possa aver fatto una cosa del genere, tipo somministrare cure para-psichiatriche a nostra filia senza dirci niente, proprio non riesco a capirlo», ha continuato Nicolas Rodriguez.
I genitori hanno deciso di ritirare Magali da scuola dopo che quest’ultima ha scritto una lettera dove spiegava nel dettaglio tutti gli abusi subiti. Attualmente sta finendo l’ultimo anno di superiori in un altro istituto.
Lo staff della scuola Amat Bishop nega di aver fatto qualcosa di sbagliato e bolla le accuse di Rodriguez come inaccurate.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020

Decreto rilancio: 4 milioni per le vittime di omobitransfobia

Il cosiddetto "Decreto rilancio" prevede fondi per le vittime di discriminazioni fondate sull'orientamento sessuale e…

5 luglio 2020