Categorie: News

Madrid, Siviglia, Tenerife: anche la Spagna in piazza contro le violenze in Cecenia

Anche la Spagna si è mobilitata per chiedere la fine delle persecuzioni contro i gay in Cecenia. In centinaia si sono ritrovati in Plaza de Pedro Zerolo a Madrid, ma anche in altre piazze di Siviglia, Aliante, Malaga e Tenerife.
I manifestanti avevano con sé dei triangoli rosa, il simbolo con cui i nazisti contrassegnavano gli omosessuali nei campi di concentramento: un modo per ricordare quello che è già successo nella storia recente dell’Europa.

“Terrorizzati dall’odio del governo ceceno

Intervistato da Gay Star News, Rubén López, presidente dell’associazione LGBT spagnola Arcópoli e della Federazione Nazionale delle lesbiche, gay, transessuali e bisessuali, ha spiegato che “le persone a Madrid sono molto preoccupate per la situazione e volevano mostrare la loro solidarietà alle persone LGBT cecene”: “Siamo terrorizzati dalle parole di odio pronunciate dal governo della Cecenia – ha aggiunto López -. L’Onu, l’OSCE e l’UE devono dare una risposta a queste persone”. Come successo anche in Italia, anche gli attivisti spagnoli hanno chiesto al governo di Madrid di condannare la situazione nella repubblica caucasica.

Situazione sempre più preoccupante

Secondo le ultime notizie giunte dalla Cecenia, sono sei le prigioni per uomini gay identificate il che fa pensare che le persone arrestate, detenute e torturate sono più delle 100 di cui si era parlato inizialmente. È lecito pensare che anche le persone morte siano più di tre, cifra dichiarata dall’inchiesta di Novaya Gazeta nei primi articoli dell’inchiesta che ha sollevato il caso.

AVVISO: Gli attivisti di Russian LGBT Network hanno approntato un piano di evacuazione per salvare quante più vite possibile. Per attuarlo, però, servono anche soldi. Gaypost.it ha deciso di contribuire donando il 10 per cento per ogni Pride Kit 2017 venduto. Per acquistare i Pride Kit 2017, clicca qui.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020