News

Lgbt free zone, Bruxelles congela i fondi europei per la Polonia

Ancora un brutto colpo per le forze sovraniste in Europa: come riporta Europa Today infatti, la Commissione europea ha deciso di agire contro la Polonia. Nel mirino di Bruxelles sono finite le “Lgbt free zone”, che si vedrebbero congelati così i fondi comunitari che spettano alle istituzioni locali. Questo almeno fino a quando le autorità polacche non decideranno di far marcia indietro dall’istituzione di luoghi liberi dalla fantomatica “ideologia gender”.

La Polonia, ricordiamo, è governata da forze di destra radicale. Il presidente Duda ha firmato una “carta della famiglia” in cui si impegna a contrastare i diritti delle persone Lgbt+. E per questo motivo, lo stato dell’est europeo è tra i peggiori in assoluto, nella classifica dei paesi europei, in cui la comunità arcobaleno può vivere. Proprio per le restrizioni e per una classe politica che si propone come nemica delle istanze della nostra comunità. Le città che si sono dichiarate “lgbt free zone” rischiano dunque di non vedere i fondi per superare la crisi legata alla pandemia.

Non è la prima volta che queste città affrontano un problema del genere. La città di Krasnik, nel sud est della Polonia ha perso importanti finanziamenti . Come riportato in un altro articolo «la ministra degli Esteri norvegese, Ine Eriksen Soreide, aveva annunciato che il suo paese avrebbe tolto alcuni fondi a Krasnik e alle altre città che avevano fatto dichiarazioni simili: si trattava dei fondi EEA, cioè dei contributi versati annualmente da Norvegia, Islanda e Lichtenstein per ridurre le disparità sociali ed economiche all’interno dello Spazio Economico Europeo, di cui la Polonia è tra i principali beneficiari». Perdite che hanno indotto il sindaco della città a dichiarare che avrebbe fatto marcia indietro sulla “Lgbt free zone”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ddl Zan, movimento Lgbt+ unito: “Rispettare gli impegni e votare la legge”

Si surriscalda il clima in vista della ripresa dei lavori al Senato per il ddl…

26 Ottobre 2021

Le femministe italiane: “Mantenere l’identità di genere nel ddl Zan”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato firmato da diverse esponenti del femminismo italiano, in risposta al…

25 Ottobre 2021

Ddl Zan: il fronte contro l’identità di genere torna all’attacco

Ricomincia l'attacco al ddl Zan da quella parte del femminismo che si definisce "gender critical",…

25 Ottobre 2021

Letta manda Alessandro Zan in esplorazione sulla sua legge

"Chiederò in questi giorni ad Alessandro Zan di fare un’esplorazione con le altre forze politiche…

25 Ottobre 2021

Un museo della storia dell’omosessualit a Torino? La proposta della Fondazione Fuori!

Un museo della storia dell'omosessualità a Torino. E' la proposta che Angelo Pezzana e Maurizio…

24 Ottobre 2021

Torna l’Agender 2022, con un nuovo incredibile look

Per il nuovo anno vogliamo lanciare un messaggio di rinascita e di ritrovamento della parte…

24 Ottobre 2021