News

Si filma mentre riempie di insulti omofobi un ragazzo: succede a Sassari

Insulti omofobi e pesanti allusioni a sfondo sessuale. Ma non solo: un video girato senza il consenso della vittima delle offese, in cui un individuo filma se stesso mentre insulta un ragazzo presumibilmente omosessuale. Accade a Sassari, dove si è consumata l’ennesima aggressione – questa volta verbale, seppur non meno umiliante di altre – ai danni di un giovane.

Insulti omofobi e allusioni sessuali

La scena si svolge all’interno di un cortile, presumibilmente, o più in generale in uno spazio aperto. L’uomo con il telefonino in mano filma la scena. Un altro, la vittima degli insulti, se ne accorge e prima gli domanda se gli sta facendo il video, quindi gli chiede di smettere di filmarlo, visto che non ha il suo consenso. L’uomo, allora, si fa sarcastico: «Sei un bel ragazzo» gli dice, con tono canzonatorio. Ma non finisce qui. Alle proteste del ragazzo, si unisce una voce di donna – forse un’amica di chi sta riprendendo la scena – che gli dice: «Paolo, la smetti?» L’uomo, quindi, si lascia andare ad una serie di insulti a sfondo sessuale, piuttosto volgari, che preferiamo non riportare.

Il video dell’aggressione

Il video – condiviso e stigmatizzato dall’attivista Fabio Nacchio Nastri, su Twitter – lascia poco spazio all’immaginazione. E lascia anche tantissima amarezza.

La necessità della legge Zan

Non sappiamo quali sono le ragioni che possono aver portato i due a entrare in conflitto, sebbene sembri più che evidente che si sia trattato di un atto di persecuzione nei confronti di un uomo ritenuto, a torto o a ragione poco importa, omosessuale. Il linguaggio utilizzato – sessualmente violento, proprio nel momento in cui l’aggressore fa le sue allusioni – oltre alla volontà di umiliare pubblicamente, mandando on line il video, indicano volontà di ferire e di esporre al pubblico ludibrio. Intanto la legge Zan, nonostante sia stata calendarizzata, è ancora sotto la minaccia del “fuoco amico” e dell’ostruzionismo della Lega. E invece episodi come questo dimostrano che si tratta di un’urgenza non più procrastinabile.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023