Categorie: News

È ufficiale: in Germania le terapie riparative sui minori sono vietate

Il parlamento tedesco ha approvato una legge che vieta le cosiddette “terapie riparative” sui giovani. Si tratta, com’è noto, di presunte “cure” per far diventare eterosessuali cisgender ragazzi e ragazze lgbt+. La proposta di legge era già stata presentata lo scorso dicembre e ora ha ottenuto il sì definitivo dal Parlamento.

Pericolose per chi le subisce

La pericolosità delle terapie riparative è ampiamente dimostrata e gli effetti collaterali possono arrivare anche al suicidio di chi vi viene sottoposto. Effetti che sono tanto più devastanti specialmente sui giovani. Tra le tecniche usate in questi ambiti figurano anche, in alcuni casi, l’ipnosi e l’elettroshock.

Il divieto per tutti

La legge approvata giovedì 7 maggio in serata, come riporta BBC, vieta di sottoporre persone minorenni a trattamenti di qualsiasi genere che abbiano lo scopo di cambiare l’identità di genere o l’orientamento sessuale.
Il divieto non riguarda solo medici, operatori vari o organizzazioni che promuovono questo genere di trattamenti. Anche i genitori o i tutori legali possono essere punti per avere costretto i loro figli a sottoporsi a questi trattamenti. La pena prevista è il carcere fino a un anno o una sanzione pari a 30 mila euro.

Le critiche delle opposizioni

Il ministro federale della Sanità, Jens Spahn, ha spiegato quanto fosse necessaria una legge solida che evitasse controversie legali e consentisse di tutelare i giovani che sono spesso costretti da altri a seguire le presunte terapie riparative.
La legge è stata criticata dai Verdi secondo i quali non è abbastanza. Secondo l’opposizione, infatti, il limite di età avrebbe dovuto essere elevato a 26 anni. Per alcuni anche fino a 27.

Sempre più paesi vietano le terapie riparative

La Magnus Hirschfeld Foundation stima, sempre secondo BBC, che in Germania siano circa 1000 le persone soggette a terapie riparative ogni anno.
La Germania non è la prima ad adottare una legge di questo tipo. Norme simili sono già in vigore in 16 stati degli Usa, a Malta, in Canada e in altri stati.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020