Categorie: News

La Germania cancella le pene inflitte agli omosessuali con il “Paragrafo 175”

La Germania chiede scusa alle decine di migliaia di omosessuali processati per via della loro omosessualità in osservanza di un comma di un articolo del codice penale noto come “Paragrafo 175”. In base a quella norma, approvata nel 1871 e in vigore fino a 1994, il sesso tra maschi veniva equiparato a quello tra persone e animali e perseguito penalmente. Le pene previste furono inasprite durante il regime nazista, ma alla fine della Seconda Guerra Mondiale e caduto Hitler, la legge rimase in vigore fino, appunto, al 1994.

Pene annullate e risarcimenti in denaro

Ora il ministro della Giustizia Heiko Maas (Spd) è riuscito a fare approvare dal governo un provvedimento che prevede la cancellazione delle condanne dalle fedine penali di tutti gli uomini condannati in base al paragrafo 175, e un risarcimento finanziario di 3.000 euro e di altri 1.500 per ogni anno in cui abbiano subito una “restrizione della libertà”.
Si calcola che solo tra il 1949 e il 1994 siano 65 mila i procedimenti avviati in base all’articolo del codice penale in questione, 50 mila dei quali solo tra il ’49 e il ’69.

Il precedente

Un primo passo verso questa direzione era stato fatto quando, nel 2002, furono annullate le condanne inflitte durante il Terzo Reich. Il provvedimento, però, non aveva intaccato i processi celebrati prima e dopo il nazismo, che ora, invece, vengono sanati riabilitando definitivamente tutte le persone perseguitate solo per il loro orientamento sessuale.
La decisione del governo tedesco segue di qualche mese quella analoga presa dal governo britannico con la cosiddetta Turing Law.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020