Categorie: News

Italia Viva: “Il ddl Zan è da modificare”. E ora la legge è a rischio

Si addensano nubi nerissime sul ddl Zan. Come riporta Next Quotidiano, riprendendo un’agenzia, oggi in Senato si è tenuto un dibattito per la calendarizzazione della legge contro l’odio per le persone Lgbt+, la misoginia e l’abilismo. Sono arrivate però delle dichiarazioni da parte di Davide Faraone, di Italia Viva, che rischiano di suonare come uno stop definitivo all’iter parlamentare. L’esponente renziano ha infatti ipotizzato delle modifiche da apportare al disegno di legge. Con rischi che sono davanti agli occhi di chiunque. Ma andiamo per ordine.

Faraone: “Ddl Zan, ci sono le modifiche della Concia e della Valente”

Davide Faraone

Faraone ha così dichiarato: «Il ddl Zan può essere trattato, trovando condivisione tra le forze, con le proposte di modifica che anche noi vogliamo avanzare». Per il capogruppo al Senato di Italia Viva «ci sono modifiche della Concia, della Valente, che io condivido». Ancora, il parlamentare dichiara: «Possiamo mostrare maturità, votandolo insieme questo ddl, portandolo in Aula e proponendo le modifiche». Modifiche che però riporterebbero il testo alla Camera, dove ricomincerebbe tutto il procedimento parlamentare, per poi tornare al Senato. Con ulteriori ritardi e il rischio di non essere approvato. Oltre all’impoverimento di una legge che ha già diverse mediazioni.

Il ddl Zan non ha più la maggioranza della Camera

Il quadro, così com’è, presenta un clamoroso passo indietro per il partito di Matteo Renzi. Italia Viva, infatti, ha votato alla Camera dei Deputati proprio il testo arrivato a Palazzo Madama lo scorso 4 novembre. Evidentemente qualcosa è cambiato tra le file dei renziani. Il dato politico è comunque molto precario, nei confronti del ddl Zan. La legge, infatti, non ha più la maggioranza che l’aveva votata l’autunno scorso. E ciò rende ancora più traballante un iter parlamentare che soffre dell’ostruzionismo della Lega.

Arcigay: “Il tempo delle scuse e dei rinvii è finito”

Marilena Grassadonia, Sinistra Italiana

E si registra delusione e rabbia, tra le associazioni della comunità Lgbt+: «Il balletto che di settimana in settimana continua sulla calendarizzazione della legge contro l’omotransfobia in commissione Giustizia al Senato sta assumendo caratteri grotteschi» ha dichiarato Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che ricorda: «Le forze politiche che hanno approvato la legge alla Camera non possono prestare il fianco a questo ricatto. M5S, PD, Italia Viva e Leu che hanno raggiunto una mediazione su quel testo di legge devono garantire il supporto necessario per l’approvazione definitiva del testo anche al Senato senza indugiare in ulteriori modifiche che sappiamo essere solo improntate al ribasso e finalizzate a determinare molto probabilmente l’ennesimo nulla di fatto come esito di questa battaglia. Il tempo delle scuse e dei rinvii è finito».

Grassadonia: “Italia Viva stampella della destra”

Durissima anche Marilena Grassadonia, responsabile nazionale ai Diritti e libertà di Sinistra Italiana, che dichiara: «Le richieste al ribasso sul Ddl Zan da parte di Italia Viva confermano come sui diritti civili Renzi non riesca mai a fare un passo avanti reale e decisivo. Fare compromessi sulla vita e la dignità delle persone fa parte del suo dna». E continua, l’attivista: «Ieri era Alfano oggi è la Lega. Gli attori sono diversi, la sostanza non cambia. Oggi Italia Viva è ufficialmente la stampella della destra di questo Paese. Cambiare una virgola per affossare la legge. La strategia è chiara, lo capirebbe anche un/a bambino/a».

Di certo, dopo le dichiarazioni del capogruppo di Italia Viva, la strada per l’approvazione del ddl Zan è ora tutta in salita. E il provvedimento – qualora venisse modificato – rischierebbe di saltare, lasciando inevasa l’urgenza di un provvedimento che avrebbe aiutato a combattere violenze e discriminazioni.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Visibile, in streaming, sulla piattaforma Streeen, il film di Giovanni Coda per il 17 maggio.

16 maggio 2021

Ddl Zan: sul palco di Roma le Karma B, Luxuria e le istanze delle comunità

Ci saranno le Karma B, sul palco di Piazza del Popolo, a Roma, oggi a…

15 maggio 2021

Lesbofobia, insulti a 18enne di Bari: “Fate schifo, tutti nelle camere bruciati!”

"La decisione di denunciare deriva dalla necessità di far sentire meno soli tutti colore che…

15 maggio 2021

“Le parole che uccidono”: il monologo di Stefano Massini per il ddl Zan

"Le parole che uccidono". Così si intitola il monologo che Stefano Massini ha portato ieri…

14 maggio 2021

Ddl Zan, è tempo della responsabilità: in piazza per una società migliore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di Marilena Grassadonia* per le piazze di questo fine settimana…

14 maggio 2021

26 giugno: torna il Roma Pride, dopo l’assenza dello scorso anno

Torna il Roma Pride. Dopo il fermo dovuto alla pandemia, nel 2020, il 26 giugno…

13 maggio 2021