News

Daniel Radcliffe contro J.K. Rowling: “Le donne transgender sono donne”

Hanno fatto molto discutere, nei giorni scorsi, i nuovi tweet dell’autrice di Harry Potter, J.K. Rowling sulle persone trans. Uscite in linea con quelle già fatte nei mesi scorsi che sono costate alla scrittrice le accuse di transfobia.
Ma a quanto pare chi ha dato vita ai suoi personaggi non la pensa come lei. Tra tutti, si sono schierati chiaramente dalla parte opposta Daniel Radcliffe, che impersona proprio il maghetto nei film della saga e Katie Leung, il volto di Cho Chang nell’episodio “Harry Potter e il calice di fuoco”.

“Le donne transgender sono donne”

In una dichiarazione rilasciata all’associazione Trevor Project, che si occupa di prevenire il suicidio tra i giovani lgbt+, Radcliffe ha dichiarato che anche se Rowling “ha un ruolo indiscutibile sul corso che ha preso la mia vita, come essere umano mi sento di dover dire qualcosa in questo momento”.
“Le donne transgender sono donne – ha scritto Radcliffe -. Ogni dichiarazione che dica il contrario cancella l’identità e la dignità delle persone transgender e va contro tutte le indicazioni date dalle associazioni di professionisti che si occupano di salute che sono molto più competenti in materia di quanto possiamo esserlo io o Jo”. L’attore ha specificato che non si tratta di una guerra tra lui e la scrittrice.

Le statistiche sulle discriminazioni

Radcliffe ha poi citato le statistiche rilasciate dal Trevor Project secondo le quali il 78% dei giovani trans e non-binari sono soggetti a discriminazioni per via della loro identità di genere.
“E’ chiaro che dobbiamo fare di più per supportare le persone transgender e non binarie giovani – ha proseguito l’attore – e non annullare le loro identità né causare ulteriore dolore”.

Il messaggio ai fan della saga

Poi si è rivolto a tutte le persone, appassionate della serie, che sui social hanno espresso delusione e rammarico per le posizioni di Rowling. “A tutte le persone che si sentono come se il loro legame con i libri sia stato danneggiato – ha scritto – voglio dire che sono profondamente dispiaciuto per il dolore che quei commenti ha provocato loro”. “Se avete trovato qualcosa, in quelle storie, che vi ha aiutato in alcuni momenti della vostra vita, questo rimane tra voi e il libro che avete letto ed è sacro. E secondo me nessuno può intaccarlo. Il significato che ha per voi rimane e spero che quei commenti non lo intacchino”.

Katie Leung su Twitter

Non dissimile la posizione di Katie Leung che ha risposto alle dichiarazioni della scrittrice su Twitter. “Volete sapere come la penso su Cho Chang? Ecco” ha scritto in un primo tweet. A questo è seguito un thread pieno di link che rimandano a campagne di supporto o di raccolta fondi a favore di associazioni che tutelano le persone trans.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la "poetica" –…

26 Ottobre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023