Categorie: Rainbow

Coronavirus e arcobaleno: ecco come cambia la vita di noi persone Lgbt+

Siamo in piena emergenza coronavirus: scuole chiuse, palestre off limits e ospedali che rischiano il collasso a causa dell’epidemia. Ma la straordinarietà non investe solo aule e corsie di ospedali. Così come essa non travolge solo i centri commerciali e gli autobus urbani sempre più vuoti. Anche la comunità Lgbt+ fa parte di questo quotidiano stravolto. E non solo: la nostra comunità ha una sua vita quotidiana che, esattamente come tutte le altre, è stata “spazzata” via dall’urgenza. Ed ecco, perciò, che serate, appuntamenti e impegni sono stati rimandati a data da destinarsi. Vediamo come ha reagito il mondo arcobaleno.

Chiuse le serate in discoteca

«A seguito del DPCM riguardante l’adozione di misure per il contrasto ed il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus Covid-19 MUCCASSASSINA sospende le serate fino a nuove direttive» leggiamo questo sulla pagina Facebook della più nota serata romana, che di recente ha festeggiato i suoi 35 anni di attività. Non è un unicum, per altro. Altrove, a Bologna, il Red ha già chiuso da diversi giorni: prima per l’ottemperanza della Regione Emilia Romagna e, quindi, per il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri. Anche il Bequeer chiude, per il momento, i battenti a Perugia. Stessa situazione a Catania, dove la serata Supercinema viene sospesa fino a data da destinarsi. Vedremo nelle prossime settimane come evolverà la situazione. Per adesso le discoteche restano chiuse.

Pride a rischio?

La comunicazione di Muccassassina

Situazione problematica, lo stop alle serate, per una questione più che pratica: l’organizzazione dei pride. «Sarà un grosso problema» dichiara a Gaypost.it Lorenzo Ermenegildi, di Omphalos Perugia «per il reperimento dei fondi». A pochi mesi dalle marce dell’orgoglio Lgbt+, ricorda il segretario dell’associazione perugina, chiudere le discoteche – i cui incassi sono necessari per mettere in piedi gli eventi dei pride – può portare a conseguenze difficili per le associazioni organizzatrici. E ciò vale per Perugia come per Roma e tutte le altre città in cui il momento ludico fa da supporto alle associazioni che lavorano nel territorio.

La vita nelle associazioni Lgbt+, ai tempi del coronavirus

Le associazioni, dal canto loro, provano ad organizzarsi e ad affrontare l’emergenza. Ancora Omphalos ha deciso che «le riunioni e le attività in sede dei gruppi dell’associazione si svolgeranno regolarmente con attenzione al rispetto delle misure igienico-sanitarie indicate nelle informative esposte», con possibilità di variazioni nell’accesso in sede e nel calendario, qualora la situazione lo richiedesse. Anche a Catania, Arcigay è stata costretta a sospendere gli eventi sia pubblici sia privati, a causa delle misure d’emergenza adottate. A Reggio Calabria, ancora, l’Agedo locale ha annullato un evento contro l’omo-transfobia, rimandato a data da destinarsi.

Gli eventi culturali Lgbt+

Tra gli appuntamenti che, ancora, sono stati rimandati c’è il Salento Rainbow Film Fest, che in una nota ufficiale così dichiara: «Da quando abbiamo iniziato – mesi fa – ad immaginare la sesta edizione del Salento Rainbow Film Fest, il nostro obiettivo è stato quello di creare un progetto che restituisse bellezza, energia, passione, empatia, entusiasmo […] Queer È Ora». La rassegna salentina, tuttavia, ha già una data alternativa. Leggiamo infatti: «Alla luce delle recenti disposizioni per arginare la diffusione del coronavirus e per venire incontro ad alcuni dei nostri ospiti provenienti dalle zone cluster, abbiamo deciso di rimandare il Salento Rainbow Film Fest al 7-8-9 maggio».

Feminism e il ricordo di Delia Vaccarello

L’avviso di Feminism

E salta, ancora, Feminism 3 – Fiera dell’editoria delle donne, che aveva previsto per il 7 marzo prossimo la presentazione dell’ultimo libro di Delia Vaccarello, la giornalista lesbica recentemente scomparsa che ha scritto Desiderio – Racconti di eros, segreti, bugie, edito da Villaggio Maori Edizioni. «Con grande rammarico ma con altrettanto grande senso di responsabilità, ci vediamo costrette a sospendere la Terza Edizione della Fiera, una scelta alla quale ci sentiamo obbligate in ragione dei limiti imposti dall’emergenza e dalla probabilità di ulteriori provvedimenti finalizzati a bloccare la diffusione del Covid-19. Desideriamo farvi sapere che non intendiamo rinunciare alla realizzazione della Fiera, che ci proponiamo di rilanciare non appena i tempi ce lo consentano».

Coronavirus e spazi di visibilità

Un’emergenza non solo sanitaria. Essa investe la nostra umanità e il nostro senso di solitudine. Che ci obbliga in casa, impedendo aggregazione, riflessione e lo scambio culturale. Quell’andare avanti, insomma, che abbiamo faticosamente costruito. Conquistando proprio spazi di visibilità, che siano essi quelli di una pista da ballo o di una biblioteca in cui parlare di libri. Tutto è fermo, insomma. Almeno per quanto riguarda la fruizione dei luoghi. E forse questo dovrebbe portarci a riflettere sull’importanza di aver conquistato, appunto, quegli spazi di aggregazione. Ora messi in discussione – e si spera per il minor tempo possibile – non da scelte politiche anti-Lgbt+, come avviene altrove, ma dall’eccezionalità di un evento. Gestito, va detto, nel massimo senso di responsabilità proprio dalle nostre realtà, arcobaleno e femministe. La vita intanto va avanti. E da quel che sembra, non si vede l’ora di tornare in grande stile.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020