Categorie: News

Una settimana dopo il “corteo funebre”, Cesena scende in piazza contro l’omofobia

A quasi una settimana dal “corteo funebre” di Forza Nuova che ha sfilato per le strade di Cesena mentre si celebrava una unione civile, la città scende in piazza per dire no all’omofobia. Se da una parte, infatti, organizzatori e partecipanti al corteo sono stati denunciati tutti (18) perché la manifestazione non era autorizzata, dall’altra era necessaria anche una risposta della città che andasse oltre la mera questione legale e condannasse il gesto politicamente.

C’èsena – C’è famiglia – C’è accoglienza è il nome scelto per la manifestazione che si terrà domani alle 17 a Piazza del Popolo, organizzata dall’associazione Rimbaud Lgbtqie Cesena e dai Giovani democratici. All’iniziativa hanno aderito, tra gli altri, anche Amnesty International Cesena, Arcigay “Alan Turing” di Rimini, Arcigay “Frida Byron” di Ravenna, l’Arci di Cesena, la Rete degli Studenti Medi, Tratti di Donna (Progetto dell’Associazione L’Aquilone di Iqbal) e Un secco No di Forlì, l’Anpi e la Cgil.

“Non ci lasceremo intimorire”

“I recenti episodi di violenza simbolica e di intimidazione contro una coppia omosessuale che stava festeggiando il giorno della propria Unione Civile – si legge nell’appello lanciato dagli organizzatori – sono di una gravità inaudita e fanno seguito ad altri gravi episodi di intolleranza, talvolta sconfinati nel razzismo, avvenuti contro i migranti e i senza fissa dimora nelle scorse settimane”.
“Non ci lasceremo intimorire di fronte a questi vili atti di prepotenza – continuano – ma ci impegniamo a denunciarli e contrastarli, sperando di trovare nelle istituzioni e nelle forze dell’ordine un importante alleato per evitare il perpetrarsi di questo clima”.

L’adesione della giunta comunale

Domani in piazza con le associazioni ci sarà anche la giunta comunale che in una nota ha comunicato la sua adesione all’evento. “L’11 febbraio è una data importante per la Cesena inclusiva, democratica, generosa – si legge nella nota -; la Cesena per la quale il rispetto e la dignità delle persone, indipendentemente dalla nazionalità, dall’orientamento sessuale, dalla posizione sociale, vengono prima di tutto; la Cesena che guarda con attenzione agli ultimi; la Cesena nella quale ci riconosciamo e, come noi, certamente si riconosce la maggior parte dei cesenati. Per questo, speriamo che tanti scelgano di partecipare alla manifestazione che si terrà sabato, a partire dalle ore 17,00, in piazza del Popolo, per dimostrare quanto siano vivi e importanti per noi cesenati i valori della convivenza, della solidarietà, del rispetto reciproco”.

La solidarietà dai comuni limitrofi

Insieme alla giunta di Cesena, hanno anche garantito la loro presenza i sindaci e i rappresentanti dei comuni limitrofi. A piazza del Popolo ci saranno i sindaci Marco Baccini (Bagno di Romagna), Ermes Battistini (Longiano), Luciana Garbuglia (San Mauro Pascoli), Matteo Gozzoli (Cesenatico), Monica Rossi (Mercato Saraceno), Roberto Sanulli (Gambettola), ed i vicesindaci Nicola Della Pasqua (Savignano sul Rubicone) e Fabio Molari (Montiano). “Si tratta di un segnale forte che questo territorio lancia con determinazione – concludono gli amministratori cesenati -: le recrudescenze di intolleranza ed oscurantismo da noi non trovano cittadinanza“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Torino candidata per ospitare l’Epoa 2021: la prima volta per una città italiana

L'annuncio da parte del Coordinamento Torino Pride. E c'è il supporto di Roma e Milano.

30 settembre 2020

Legge Zan, si comincia il 20 ottobre: “Approviamola il 22”

"La discussione inizierà il 20 ottobre per approvare la legge il 22". Così, durante una…

30 settembre 2020

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020