Bosnia, il primo Pride sarà Sarajevo dove le persone Lgbt vivono nel terrore

Si terrà il prossimo 8 settembre a Sarajevo il primo Pride in Bosnia-Erzegovina.
Ad annunciarlo gli organizzatori, sottolineando che l’obiettivo è promuovere i diritti della popolazione omosessuale, e favorire un cambio di percezione sociale nei suoi confronti.

Le persone Lgbt discriminate ogni giorno

Ad assumere l’iniziativa del primo Pride in Bosnia, riferiscono i media locali, sono stati attivisti oltre che di Sarajevo anche di altre città: Tuzla, Banja Luka, Prijedor, Bijeljina.
“Non lottiamo solo per la nostra libertà, ma anche per quella di tutte le persone che sono discriminate. I rappresentanti dellapopolazione Lgbt sono discriminati ogni giorno in famiglia, al lavoro, nelle istituzioni, per strada“, ha detto Lejla Huremovic della ONG ‘Centro aperto di Sarajevo‘.

Evento storico

Quella dell’otto settembre diventa così per la Bosnia un evento unico. Sarà tra le ultime nazioni balcaniche ad ospitare per la prima volta un Pride. L’ondata arcobaleno ha coinvolto le vicine repubbliche jugoslave di Croazia, Serbia e Montenegro. Anche il Kosovo musulmano ha tenuto la sua prima marcia nell’ottobre 2017, con la partecipazione del presidente Hashim Thaci.

Le macerie morali sulla città

Le cronache dalla Bosnia ci riportano a una città sotto assedio. Non importa che la guerra sia finita da quasi vent’anni. Basta metterle in file e declinarle per rendersene conto.
Nel 2008, il Queer Sarajevo Festival viene attaccato da un gruppo di otto persone; minacce, insulti e feriti. La polizia interviene in difesa della manifestazione ma non basta: il Festival viene cancellato. Nel 2014 durante una una tavola rotonda sul tema “Transessualità in Transizione”, un gruppo mascherato attacca e ferisce i presenti, presi di mira soprattutto i volti noti dell’attivsmo Lgbtqi in Bosnia.

Un paese ancora ricoperto da macerie morali che non riconosce le coppie dello stesso sesso in alcun modo, e che ha depenalizzato l’omosessualità solo nel 1998.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020