Categorie: News

Bolsonaro denunciato all’Onu dal movimento lgbt brasiliano

Bolsonaro potrebbe rispondere della sua omofobia davanti all’Onu. Sì, perché a chiedere l’intervento delle Nazioni Unite è stato il movimento lgbt brasiliano stanco di quella che definisce una “persecuzione” vera e propria.
Ma non è tutto. Proprio in ragione di questa persecuzione subita, secondo quanto riporta l’Ansa, le associazioni chiedono all’Onu che Jair Bolsonaro venga escluso dal Consiglio per i diritti umani.

“Una persecuzione esplicita”

“In Brasile viviamo un momento di persecuzione esplicita contro le persone Lgbt e contro qualsiasi manifestazione sulla diversità” scrive in una nota l’Abglt (Associazione brasiliana di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali).
L’Associazione si è detta anche contraria alla rielezione del Brasile come membro del Consiglio dei diritti umani, il cui Alto Commissario è l’ex presidente cilena Michelle Bachelet.
“I difensori dei diritti umani – recita la dichiarazione presentata al Consiglio dei diritti umani dell’Onu -, non solo quelli che lavorano su questioni Lgbt, temono per le loro vite in Brasile”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020