Categorie: News

Gli australiani hanno detto sì al matrimonio egualitario

Con il 61,6 % a favore gli australiani hanno detto “sì” al matrimonio egualitario. I risultati della consultazione via posta sono stati resi pubblici qualche ora fa e sono statti accolti da folle festanti radunate nelle piazze delle principali città dell’Australia per aspettare il risultato. Rispettate, dunque le previsioni e i sondaggi.
Nonostante l’esito della consultazione non fosse vincolante, il premier Turnbull ha garantito che il matrimonio egualitario sarà legge entro Natale.

Un voto che non si può ignorare

Al voto, che era più un sondaggio che un vero e proprio referendum hanno votato il 79.5 per cento degli aventi diritto. È difficile, dunque, che il parlamento possa ignorare quello che è già stato definito “un importante specchio di quello che pensano gli australiani”.

Una vittoria per tutti gli australiani

In un discorso pronunciato dopo la proclamazione dei risultati, il portavoce della Equality Campaign, Alex Greenwich, ha dichiarato: “Oggi l’amore ha avuto una vittoria schiacciante. Insieme abbiamo ottenuto qualcosa di davvero notevole, una vittoria per la giustizia e l’uguaglianza, non solo per la comunità LGBTI e le nostre famiglie, ma per tutti gli australiani”.
In una conferenza stampa a Canberra, Turnbull ha detto che “gli australiani hanno votato in milioni ed hanno votato inequivocabilmente sì al matrimonio egualitario”. Il premier è convinto che il parlamento, ora, non possa ignorare quanto accaduto.

Legge entro Natale

“Hanno votato sì per giustizia, sì per l’impegno, sì per l’amore – ha detto Turnbull -. E ora spetta a noi, qui nel parlamento dell’Australia continuare il lavoro, completare il lavoro che gli australiani ci hanno chiesto di fare”. Poi ha sottolineato che la legge dovrebbe essere pronta entro Natale.
Il leader dei laburisti, Bill Shorten, che sono all’opposizione, ha parlato di “un giorno favoloso per essere australiani”. Poi ha esclamato: “Voglio fare una promessa: oggi festeggiamo, domani legiferiamo”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020