Categorie: Rainbow

Vi siete chiesti cosa si può fare per i gay in Cecenia? Abbiamo un’idea

Quello che accade in queste settimane in Cecenia agli uomini gay o ritenuti tali, è ormai di dominio pubblico ed ha sollevato l’indignazione internazionale. In tanti continuano a chiedersi cosa si può fare, oltre a firmare le petizioni e partecipare alle mobilitazioni (poche, finora, a dire il vero). Gaypost.it cerca quotidianamente di informare sull’evoluzione della vicenda cecena, ma anche noi ci siamo fatti la stessa domanda: possiamo fare di più?
La risposta l’abbiamo trovata nei nostri Pride Kit 2017. Cosa c’entrano, vi chiederete?

Il nostro contributo a chi tenta di salvare vite

Come sapete, la vendita dei Pride Kit 2017 doveva servire per finanziare le nostre attività, ma abbiamo deciso di devolvere il 10 per cento alle associazioni che stanno aiutando i gay che in Cecenia rischiano la vita.
Da oggi sarebbe dovuta cominciare la vendita a prezzo pieno, ma applicheremo fino al 25 aprile prossimo uno sconto del 10 per cento sul prezzo finale (li pagherete, dunque, solo 11,70 euro ciascuno, anziché 13 euro, più le spese di spedizione) e di destinare un ulteriore 10 per cento del costo di ogni kit alla raccolta fondi lanciata da All Out in sostegno di Russian LGBT Network.

È un modo per permettere anche a voi che vi siete chiesti cosa si potesse fare di concreto, di dare una mano sapendo, mentre sfilerete al vostro Pride con la nostra shopper bag “Bella Gender” e l’arcobaleno dipinto sulla faccia, che quella marcia è utile anche a chi non ha la libertà di farlo.

Come fare per ordinare i Pride Kit 2017

Per questo, vi chiediamo di contribuire acquistando un Pride Kit 2017 e di diffondere questa campagna per raccogliere quanti più fondi possibile. Cliccate sul pulsante qui sotto e procedete all’acquisto. Ricordate che i costi di spedizione non cambiano se si ordinano più kit contemporaneamente.

Grazie!

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020