Categorie: News

Tutti contro il Cristo Lgbt esposto a Massa. Censura di Facebook e petizione online

Facebook ci ricasca e prende di mira il “bersaglio” sbagliato. Sono state censurate le immagini della mostra di Giuseppe Veneziano, l’artista siciliano esponente della corrente artistica New Pop italiana che a Massa ha portato una serie di quadri provocatori e dissacranti. Tra questi il Cristo Lgbt, con indosso un paio di mutande leopardate di Dolce e Gabbana.

A raccontalo Alessandro Bandoni, che è stato il primo presidente apertamente gay della commissione pari opportunità del Comune di Carrara e che aveva pubblicato sul proprio profilo le foto della mostra “Storytelling” (inaugurata sabato scorso a Palazzo Ducale di Massa, visitabile fino al 24 febbraio). Facebook gli ha inviato il classico messaggio: ‘un contenuto potrebbe non rispettare i nostri standard della community’, e gli ha bloccato il profilo per 23 ore.

La petizione: «Offesa a tutti i credenti»

Il Cristo aveva già fatto discutere l’estrema destra e fondamentalisti cattolici che bollando il quadro come “blasfemo” hanno lanciato una petizione on line, indirizzata al sindaco di Massa, Francesco Persiani, con cui si chiede la “sospensione della mostra”. “È un’offesa a Cristo e a tutti i credenti, è blasfemia, è vilipendio alla religione e al sentimento di milioni di persone”, si legge nella motivazione. La petizione ha raggiunto solo 376 firme.

Quando hanno chiesto a Veneziano se potrebbe essere un Cristo gay, l’artista ha risposto in questo modo: “Perché no? Per me gli uomini e le donne sono tutti uguali e a me non importa che orientamento sessuale hanno. Mi aspetto critiche dalla Chiesa. Mentre dipingevo questo quadro, sapevo che avrei fatto irritare qualcuno. Ma l’arte non si può permettere di rappresentare solo tramonti o fiorellini”.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020