Categorie: News

La Spezia, il Tribunale stoppa la Procura: “Non può ricorrere contro i bimbi arcobaleno”

No, la Procura non ha titolo a impugnare le iscrizioni all’anagrafe dei bimbi con due papà o due mamme. Lo ha stabilito il Tribunale di La Spezia che ha dovuto esaminare il caso di un bimbo che era stato iscritto all’anagrafe di Sarzana con entrambi i suoi padri. Non parliamo della trascrizione dell’atto di nascita straniero, ma di un riconoscimento tardivo. Il bimbo era, cioè, iscritto all’anagrafe con un solo papà mentre il secondo aveva fatto, e ottenuto, richiesta di riconoscimento successivo.
La decisione del Tribunale ratifica, di fatto, l’iscrizione del bimbo con tutti e due i suoi genitori.

La vicenda

I fatti risalgono a giugno dello scorso anno quando il sindaco di Sarzana Alessio Cavarra aveva riconosciuto il secondo padre del piccolo. “Uguaglianza nel rispetto di tutti: è questo il tratto distintivo di Sarzana, della sua storia, del suo presente e del suo futuro” aveva commentato Cavarra.
Poi la Procura aveva fatto ricorso al Tribunale chiedendo la cancellazione dell’atto sostenendo che nessuna legge lo rendeva praticabile.
A distanza di un anno, qualche giorno fa, il Tribunale ha preso la sua decisione: la Procura non ha titolo a ricorrere o a impugnare l’atto di nascita che, quindi, rimane invariato.

“Basta ricorsi incontrollati”

Secondo il legale della famiglia, l’Avv. Michele Giarratano (che ha seguito il caso supportato dal Prof. Angelo Schillaci) “pur se non entra nel merito della questione si tratta comunque di una decisione molto importante, perché dichiarando inammissibile il ricorso da un punto di vista formale e procedurale segna una battuta d’arresto ai ricorsi incontrollati delle Procure avverso i riconoscimenti delle famiglie omogenitoriali fatti dai Sindaci”.
“E’ comunque un risultato importante per la coppia – conclude Giarratano -, che esprime grande soddisfazione per la decisione del Tribunale di La Spezia, e soprattutto per il minore che in questo modo non si vede sottratta una figura genitoriale”.

Condividi

Articoli recenti

Roma: blitz fascista al Village, l’estivo di Muccassassina

Ieri sera, prima di iniziare la serata dell'estivo di Muccassassina una brutta sorpresa: simboli fascisti all'ingresso del locale.

22 settembre 2019

Minoranza nella minoranza: cosa significa essere bisessuali in India

Essere bisessuali non è così difficile o strano da comprendere. Allora perché le gente continua a comportarsi come se lo…

21 settembre 2019

Quando ad esser cattivi sono i super eroi: ecco “The boys”, su Amazon Prime

Personaggi disfunzionali, abusi sessuali e preghiere per curare i gay... c'è di tutto nella nuova serie tv.

21 settembre 2019

Università russa spia studente: «Sei gay». E rischia l’espulsione

L'università degli Urali ammette di controllare i social degli studenti e ne accusa uno di fare propaganda gay

20 settembre 2019

Omofobia in Puglia, altra coppia gay allontanata da un lido a Gallipoli

La denuncia da parte di un ragazzo di trentasei anni e del suo compagno.

20 settembre 2019

Lorenzin nel Pd, Toccafondi in Italia Viva: i gay di partito non hanno niente da dire?

Arrivano gli omofobi dentro Pd e il nuovo partito di Renzi: le pattuglie Lgbt non hanno niente da dire?

20 settembre 2019