Essere trans non è una malattia: l’OMS si appresta a riconoscerlo

Rimuovere la disforia di genere dal DSM (manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali): questa la direzione intrapresa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Dopo anni di battaglie cadute nel vuoto, si torna a parlare dell’eliminazione di transgenderismo e transessualismo dall’elenco dei disturbi mentali. Secondo il New York Times: “La modifica, finora approvata da ciascun comitato che la ha analizzata, è in fase di revisione per la prossima edizione del manuale diagnostico, che appunto classifica le malattie e detta linee guida sul trattamento dei pazienti in tutto il mondo”.

Nessuna sorpresa per Porpora Marcasciano, presidente del Movimento di Identità Transessuale: “Il dibattito è aperto da anni: è il momento che questo succeda” ha commentato a Gaypost.it.

Una decisione che, secondo Marcasciano, porterà con sé anche risvolti culturali: “Una cosa è parlare di disforia di genere facendo riferimento ad una voce del manuale diagnostico, e una cosa è parlare di un’esperienza umana significativa, come noi l’abbiamo definita: a livello simbolico, politico e scientifico la differenza c’è”.

Le persone transgender necessitano di cure, anche molto costose. Esiste la possibilità che, eliminando transessualismo e transgenderismo dal DSM, venga meno il sostegno economico dello Stato per terapie ormonali ed interventi chirurgici? “Se una persona non ha il suo benessere fisico, perché il sistema sanitario nazionale si dovrebbe tirare indietro? –ha risposto la presidentessa del MIT– Chiaramente tutto questo va argomentato, supportato, spiegato. Non lo faranno di sicuro solo le associazioni ma anche gli specialisti del campo medico che supporteranno questa questione”.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020